Seguimi su facebook twitter Google + youtube picasa foursquare RSS

Archive for movimento 5 stelle

received_10152504725646058

Stamane siamo andati al tribunale di Brindisi a depositare un esposto nei confronti del Presidente  Vendola e dei funzionari di Acquedotto pugliese responsabili, come ammesso dal vice ministro all’ambiente,  di aver rilasciato l’autorizzazione allo scarico di reflui fognari nella zona A (massima protezione) della riserva marina di Torre Guaceto.

Guai in arrivo per Niki Vendola e AQP. Abuso d’atti d’ufficio  e abuso di potere, questi i reati ipotizzati dai 5 stelle della provincia di Brindisi che, sabato 17 Gennaio, si sono recati presso la Procura della Repubblica  per depositare un esposto nei confronti del Presidente della Regione Puglia e alcuni funzionari dell’acquedotto  pugliese.

Al centro dellla questione lo scarico, all’interno della area marina protetta di Torre Guaceto,  delle acque provenienti dal depuratore consortile di Carovigno, autorizzato senza l’obbligatoria “Valutazione di Incidenza Ambientale “.

A confermare la mancanza di questo fondamentale atto, il sottosegretario  all’ambiente  On. Silvia Velo in risposta ad una specifica interrogazione parlamentare del Deputato 5 stelle Diego de Lorenzis.

Una problematica, quella di Torre Guaceto, che i pentastellati stanno seguendo sin dall’inizio con attenzione e forte preoccupazione e sulla quale hanno costituito una apposita task force con parlamentari e attivisti locali in stretto contatto con il Comitato Nazionale di salvaguardia di Torre Guaceto e il suo Presidente  Dr Elio Lanzillotti a cui va il merito di questa iniziativa che i 5 stelle, condividendola, hanno deciso di sottoscrivere e sostenere con forza.

A depositare l’esposto numerosi attivisti locali della provincia di Brindisi, la Senatrice Barbara Lezzi, il Deputato  Giuseppe D’Ambrosio  e l’eurodeputata Rosa D’Amato.

“Siamo tutti impegnati in questa vera e propria emergenza territoriale – chiosano i 5 stelle – per salvaguardare una tra le riserve marine più importanti del mondo. Un gioiello del nostro territorio  nonchè tassello importante dell’economia locale. Un tesoro da custodire e valorizzare non certo da distruggere sversandoci dentro scarichi fognari”.

Commenti (0)

Rifiuti-Zero_Logo1

La gestione dei rifiuti ad Ostuni, nonostante le sviolinate su numeri ambigui dell’amministrazione uscente, è un problema serio ed un costo enorme. 8 milioni di euro all’anno il peso a carico dei cittadini, 6,5 milioni per l’appalto 1,5 milioni per lo smaltimento. Gli introiti derivanti dalla vendita del differenziato, di cui nessuno sa l’ammontare, finisce nelle tasche della ditta appaltante grazie ad un “regalo” bipartisan che il centrosinistra e il centrodestra insieme hanno approvato.

I rifiuti, oggi un problema ed un costo, possono diventare una risorsa ed un settore in grado di generare lavoro. La prima cosa da fare è dare attuazione alla direttiva europea sulle tre “R”: Riduzione, Riuso, Riciclo. Sono tre azioni gerarchiche che vanno eseguite nel corretto ordine e in cui il Riciclo, la raccolta differenziata appunto, è l’ultima.

Di importanza fondamentale la trasformazione dell’attuale isola ecologica, che di ecologico non ha nulla, in una vera e propria banca dei rifiuti e del riuso. Una struttura, come già dimostrato in realtà simili a quella Ostunese, in grado di generare una ottantina di posti di lavoro nella separazione meccanica e manuale del differenziato,  nei laboratori del riuso e della riparazione,  nella struttura amministrativa che deve gestire il tutto.

Altro passo fondamentale la semplificazione della raccolta differenziata oggi basata sull’utilizzo di numerosi contenitori. Tre sono più che sufficienti. Uno per l’umido, uno per l’indefferenziato, uno per il differenziato. Le materie saranno poi separate presso la banca dei rifiuti con sistemi meccanici e manuali. Le materie prime così divise potranno essere venduti agli appositi consorzi garantendo al sistema gli introiti necessari al suo mantenimento.

Infine, il passaggio dalla tassa alla tariffa. se oggi si paga la TARSU in base ai mq dell’immobile, da domani si dovrà pagare in base alla quantità dei rifiuti prodotti. Più produci più paghi, meno produci meno paghi.

CAMBIA-MENTI e ciò che oggi è un problema ed un costo, diventerà un opportunità di sviluppo e lavoro.

raprrlista

Il 25  Maggio è una data importante e sarà fondamentale che durante le operazioni di spoglio delle schede elettorali vi siano gli occhi dei cittadini al fine di garantire che tutto si svolga nei termini di legge e nel totale rispetto della volontà degli elettori.

Abbiamo bisogno di una trentina di cittadini disposti a dedicare del tempo alla democrazia. La giornata di Lunedì 26 Maggio dalle ore 14 sino a completamento delle operazione (ore 20 circa) e una serata da concordare in cui ci incontreremo presso la nostra sede per illustrare quali sono i compiti del rappresentante di lista e quali le varie tipologie di voto che possono trovarsi di fronte.

Vi prego di dare la vostra disponibilità compilando il modulo che trovate qua sotto e di attivarvi presso i vostri amici e parenti cercando altre persone disponibili. 30 le sezioni da coprire, 30 i rappresentanti di lista che servono.

Grazie.

Categorie : 5 stelle
Commenti (0)

ostuninotizie

Ostuni Notizie un sito di informazione ha intervistato i 5 candidati Sindaco alle elezioni Comunali di Ostuni. Vi invito a verderle tutte e 5, prendetevi il tempo necessario e vedetele tutte perchè danno pienamanente il quadro della situazione.

Due mondi distanti anni luce tra loro, da un lato la “politica” coi suoi soliti discorsi, fatti e rifatti centinaia di volte. Una politica che continua a riempire i discorsi col nulla e che tra un niente e l’altro infila la solita ricetta a base di cemento con la volontà di realizzare alberghi/villaggi sulla costa. Villaggi che non lasciano alcuna ricchezza sul territorio, generalmente realizzati e gestiti da grandi investitori che sfruttano le risorse locali per arricchirsi e spendere i loro guadagni altrove. L’ottusità arriva al top quando si cita a modello Fasano coi suoi hotel di lusso esempio perfetto di strutture che non danno nulla al territorio se non sporadici e temporanei posti di lavoro malpagati. Una politica che cerca il consenso predisponendo decine di liste ed un esercito di candidati, giammai reclutati per competenze e capacità ma semmai per intercettare il voto familiare utile a far entrare in consiglio i soliti noti. Un candidato Sindaco che nell’invitare i cittadini a votarlo fa riferimento al fratello dimostrando così di essere il primo a non credere a se stesso.

Dall’altro i cittadini con un nuovo modello di sviluppo economico. Un modello che fonda le proprie basi  sulle risorse locali di cui è ricchissimo il territorio. Un modello a bassa intensità di capitali e ad alta intensità di lavoro dove il turismo è diffuso nelle piccole strutture ricettive, nelle masserie, negli agriturismo. Dove il turismo sia un volano dell’economia capace di creare mercato a settori quali l’agricoltura, l’artigianato, la cultura, ecc. Un modello economico dove ciò che oggi è un problema ed un costo diventi invece una risorsa, un opportunità di sviluppo e di lavoro come ad esempio i rifiuti, l’energia, ecc

Due mondi diversi: il passato e il futuro. Scegliete

Categorie : 5 stelle, Politica
Commenti (0)

lapatourcopertina

Inizia domani Sabato 3 Maggio il lapa tour con cui tutti i candidati 5 stelle alle elezioni comunali di Ostuni presenteranno in ogni contrada e ogni quartiere il programma e le proposte per una Ostuni a 5 Stelle.

Le prime tappe toccheranno quei territori da sempre dimenticati dall’amministrazione comunale. Sabato 3 Maggio alle ore 17 saremo a Montalbano in Via Aspromonte una via che, in parte, ricade nel territorio di Ostuni. Domenica 4 Maggio sempre alle 17 andremo invece in Contrada Specchiaruzzo sulla via Cisternino – Martina Franca.

Il tour proseguirà con altre tappe sia nel centro abitato sia nelle numerose contrade sparse nel territorio. Nella mappa qua sotto troverete tutte le tappe (in continuo aggiornamento) e le relative date.

Passate parola.

Categorie : 5 stelle, Politica
Commenti (0)