Seguimi su facebook twitter Google + youtube picasa foursquare RSS

Archive for europa

immagine dal blog di Beppe

immagine dal blog di Beppe

A seguire 5 motivi, ottimamente espressi dall’amico Angelo Consoli, sul perchè votare il moVimento 5 Stelle alle europee. Diffondete.

Alle Europee bisogna non solo vincere, ma stravincere!

Per far questo bisogna convincere il massimo numero di elettori orientati verso i partiti tradizionali o indecisi, a cambiare idea e votare M5S.

I sette punti per l’Europa li conosciamo ormai a memoria.

Ma pochi sanno invece, che l’Europa in questa legislatura si occuperà di nucleare, inceneritori, libertà di rete, beni comuni, tutte questioni per le quali non si possono assolutamente votare candidati che volevano privatizzare l’acqua o tornare al nucleare e che oggi, approfittando della memoria corta degli italiani chiedono il voto alle europee, adottando strumentalmente slogan anti euro o MES o Fiscal Compact!

Allora tutti gli attivisti del M5S hanno l’obbligo di ricordarsene e ricordarlo a tutti gli elettori in ogni occasione possibile.

Ecco dunque un breve manuale per le europee a beneficio degli attivisti del M5S perchè trovino le parole giuste con elettori amnesici e/o disinformati.

1) ENERGIA CLIMA E NUCLEARE

In questa legislatura si arriverà quasi al 2020, data di scadenza degli obiettivi del 20-20-20 che potranno essere confermati o annacquati (le lobby sono scatenate per annacquarli). Inoltre si decideranno le strategie energetiche intermedie (al 2030) e finali (al 2050). Bisognerà difendere gli obiettivi già fissati, soprattutto quello di una Europa Post Carbon al 2050, senza fossili e senza nucleare, (come dice la Dichiarazione Scritta 216/2007 del Parlamento Europeo da cui tutto è nato).

E’ fondamentale dunque ricordare a tutti i 27 milioni di elettori che a giugno 2011 hanno votato nel referendum contro il nucleare, che non possono mandare al Parlamento Europeo candidati che vogliono il nucleare e i fossili, e che certamente cercheranno di annacquare gli obiettivi del 20 20 20. E questi candidati sono praticamente quelli di tutti gli altri partiti.

Gli unici candidati che sono sicuramente contro il nucleare e i fossili, e per le rinnovabili, l’idrogeno, le smart grid, e che vogliono una Europa post carbon al 2050 sono quelli del M5S.

2) RIFIUTI E AMBIENTE

La “Direttiva Rifiuti” (Direttiva CE 2008/98), che prevede la chiusura virtuosa del ciclo dei rifiuti secondo la gerarchia delle tre “R”, (Riduzione, Riuso, Riciclo) e la progressiva chiusura di discariche, e inceneritori durante questa legislatura verrà sottoposta a revisione. Non si possono eleggere al parlamento europeo candidati appartenenti a partiti che dell’industria degli inceneritori e delle discariche sono amici, quando non proprio azionisti, e che continuano a menarcela che “in Italia ci sono le crisi dei rifiuti perchè gli ambientalisti irresponsabili non fanno aprire gli inceneritori”.

Non si possono eleggere neppure candidati appartenenti a partiti che hanno votato i decreti salva Riva di Taranto, che hanno approvato le vergognose regole nel decreto Destinzione Italia che non solo salvano ma addirittura premiano i grandi inquinatori. Gli unici candidati che hanno fatto una bandiera della strategia Rifiuti Zero e dell’applicazione della regola europea “chi inquina paga” sono quelli del M5S.

3) BENI COMUNI

Sui beni comuni non c’è una strategia europea precisa. Ci sono interventi spot, caso per caso, come per esempio per l’autorizzazione degli OGM o per la fissazione di regole relative alle privatizzazioni di “utilities” dell’acqua o dell’energia. Non si possono mandare al parlamento europeo candidati di partiti che vogliono mano libera per i grandi gruppi agroindustriali e del transgenico, le privatizzazioni di acqua e le dismissioni dei beni pubblici per far fronte al debito. Gli unici eurodeputati italiani che sicuramente saranno senza esitazioni contro le privatizzazioni, per la ripubblicizzazione dei beni comuni già svenduti, per la valorizzazione sostenibile delle risorse naturali, della cultura, del paesaggio e della enogastronomia locale basata sull’agricoltura tradizionale che usa semi autoctoni e non transgenici, e che si batteranno perchè tutto questo diventi una direttiva europea per i beni comuni, sono quelli del M5S.

4) POLITICHE SOCIALI

Durante questa legislatura verranno discussi i termini precisi del cosiddetto TTIP (trattato per la partnership transatlantica di libero scambio) che mira a dare mano libera alle multinazionali concedendo loro la possibilità di ottenere dei risarcimenti per eventuali mancati introiti da parte di Stati attenti alle politiche sociali che si opponessero a pratiche commerciali delle multinazionali non rispettose dei diritti sociali o ambientali. In questo senso sarebbe un suicidio eleggere al parlamento europeo deputati di partiti ultraliberisti convinti che le imprese europee per essere competitive nel mercato globale debbano abbassare i livelli di protezione sociale e sindacale in Europa, che sono collusi con le grandi multinazionali, banche d’affari e centri di potere economico.

Invece bisogna battersi per un “Social Compact” che miri al benessere dei cittadini e dei lavoratori, non alla massimizzazione dei profitti dei grandi gruppi industriali finanziari ed energetici, che comprenda anche una strategia europea per il Reddito di Cittadinanza, l’esportazione dei diritti dei lavoratori europei anche nei paesi emergenti, invece che la rassegnazione all’abbassamento dei diritti in Europa. Gli unici candidati che hanno delle strategie precise per un Social Compact Europeo sono quelli del M5S.

5) OPEN SOURCE E ACCESSO LIBERO ALLA RETE

Ci hanno già provato una volta a limitare l’accesso alla rete. Si chiamava trattato ACTA e si occupava ufficialmente di lotta alla contraffazione. L’assalto è stato respinto. Ma ci riproveranno. In questa legislatura. Per questo bisogna diffidare di candidati appartenenti ai partiti tradizionali che dalla rete e dai movimenti hanno tutto da perdere perchè sono espressione di una cultura a loro estranea. Non è consigliabile votare candidati che in nome del diritto d’autore o della lotta alla contraffazione sono capaci di svendere il diritto di accesso alla rete dei cittadini. Gli unici candidati che sicuramente terranno fermo il principio che bisogna favorire l’open source in tutte le sue forme e wi fi libero, gratuito e veloce per tutti, l’accesso alla produzione industriale democratizzato e distribuito tramite le stampanti tridimensionali, la massima diffusione dei Fab Lab e dell’innovazione industriale su piccola scala con criteri di erogazione dei fondi che considerino solo la bontà dei progetti e non la solvibilità o la capacità fideiussoria dei proponenti.

Su questi punti, tutti gli avverari del M5S alle elezioni europee vanno in crisi, perchè sono in distonìa con il sentire e gli umori dei cittadini, specialmente quei 27 milioni che andarono a votare al referendum di giugno 2011 contro il nucleare e la privatizzazione dell’acqua pubblica.

Suggeriamo a tutti gli elettori di domandare ai candidati come voterebbero se a Strasburgo si cercasse di mettere in discussione le rinnovabili e tornare al nucleare o ai fossili, rivedere i divieti contro gli inceneritori e discariche, limitare l’accesso alla rete, svendere i beni comuni, o abbassare le protezioni sociali. E vedrete che su almeno uno di questi argomenti cascano tutti i candidati di PD, FI, NCD, SEL, LEGA e frattaglie varie.

Allora se scegliamo questi i terreni di confronto spostiamo consenso. E se spostiamo consenso vinciamo. Perchè diventa ovvio anche agli indecisi o ai male orientati che degli altri non c’è da fidarsi.

Diventa ovvio che resta solo il Movimento 5 Stelle!

Categorie : Politica
Commenti (0)
apr
01

Lo sapevo

Di | Commenti (3) Stampa Stampa

primi_eletti_europee

Lo avevo detto che il voto avrebbe selezionato sicuramente persone di qualità. Erano diverse, la scelta era abbastanza ampia e i 5 stelle è gente che si informa, non si fa abbindolare. Hanno valutato con cognizione e alla fine hanno fatto una saggia scelta.

Da stamane i trombettieri del web già si erano scatenati a sostenere che dal voto sarebbero uscite si persone oneste, ma senza alcuna capacità o competenza. Solo poche ore ed eccoli smentiti dall’elenco dei primi nomi, quelli che sicuramente entreranno in lista.

Io lo sapevo che la rete avrebbe fatto sagge scelte. Gli iscritti 5 stelle non sono degli sprovveduti, si informano, scavano, se non sono convinti piuttosto non votano, ma di sicuro non danno voti a casaccio. Chi pensava di tentar la fortuna giocandosi il biglietto alla lotteria ha fatto i conti senza l’oste, dimostrando tra l’altro poca furbizia. Non so se avremo i voti di ogni singolo pretendente, mi piacerebbe vedere le performance di certi avventurieri.

Intanto i miei auguri vanno ai candidati già selezionati, in particolare ai due che conosco personalmente e che stimo molto: Francesco Attademo (per il Piemonte) e Rosa D’Amato (per la Puglia).

Il lavoro che ci aspetta sarà enorme come la responsabilità di cui ci stiamo caricando. Tutti insieme possiamo farcela. #vinciamonoi

Categorie : 5 stelle
Commenti (3)
mar
31

Lotteria 5 Stelle

Di | Commenti (0) Stampa Stampa

europeevoto

Oggi c’è stato il primo step per la selezione dei candidati del moVimento 5 stelle per le elzioni europee. Per la sola Puglia si sono proposti ben 401 persone di cui, aimè, soltanto 18 donne. Un esercito di pretendenti che hanno giocato, senza sborsare un soldo, alla lotteria sperando nel colpaccio.

Sia chiaro la mia critica non è certo ai requisiti, anzi non requisiti, definiti per poter proporre la propria candidatura, ma semmai a chi, con molta superficialità ed anche furbizia, ha provato la sorte senza avere la benchè minima capacità, competenza o merito. La stragrande maggioranza dei candidati non ha mai speso una sola giornata in attività sul proprio territorio, vi sono persino casi in cui il candidato è dichiaratamente di altre forze politiche.

Mi chiedo se questi davvero sperano di poter approdare al parlamento europeo. Se davvero credevano di poter aver tante preferenze sul portale, sia al primo che secondo steep, da potersela poi giocare. Temo che molti di questi ne erano abbastanza convinti o speranzosi. Poveretti.

Di una cosa rimango certo e spero di non essere smentito dai fatti (a breve ci saranno i risultati), i non pretendenti, ovvero i votanti non sono così stupidi e avranno votato valutando quei criteri di merito e competenze che servono per un compito così gravoso. Alla fine, come successo per il parlamento, manderemo persone oneste e con le mani libere in grado di svolgere ottimamente il loro lavoro, sempre con la collaborazione e il continuo sostegno della cittadinanza tutta.

#vinciamonoi

Categorie : 5 stelle
Commenti (0)
mar
26

#vinciamonoi

Di | Commenti (0) Stampa Stampa
immagine dal blog di Beppe

immagine dal blog di Beppe

Finalmente sono usciti i requisiti richiesti per candidarsi alle elezioni europee per il moVimento 5 Stelle. Dopo tanta attesa, regole semplici che consentono a chiunque iscritto al moVimento alla data del 12 Dicembre 2012 di proporre la propria candidatura. Una doppia votazione sul portale, prima su base regionale e poi per l’intera circoscrizione, definirà chi saranno i candidati. Candidati che, vale la pena ricordarlo, saranno eletti in base alle preferenze che prenderanno dai cittadini tutti.

Criteri molti diversi da quelli previsti per le elezioni al Parlamento dove la possibilità fu ristretta a chi aveva già in passato partecipato ad una lista certificata 5 stelle (comunale o regionale). Oggi la platea è molto più vasta e, ne sono certo, la rete sarà capace di selezionare i migliori possibili.

A breve vedremo quanti si vorranno misurare in questa selezione e sopratutto chi. Sarà questione di giorni ed avremo la possibilità di sapere chi saranno effettivamente i candidati. Cittadini con le mani libere sicuramente.

Preparatevi perchè #vinciamonoi.

Categorie : Politica
Commenti (0)
ott
01

Letta e riLetta

Di | Commenti (0) Stampa Stampa

alfetta

Di Marco Cedolin

Quando in primavera nacque il governo Letta, nel segno dell’inciucio e del golpe di Napolitano, lo scopo era quello di trascinarsi per qualche mese, mistificando i drammatici problemi di un paese moribondo e colonizzato da Bruxelles, attraverso il fumo creato dai temi etici (leggi sul femminidio e l’omofobia) ed un patetico tira e molla concernente la rata di luglio dell’Imu, quasi da essa dipendesse il futuro degli italiani.

Dopo tanto trascinarsi, senza senso e senza prospettive, Letta ed Alfano (o vicersa che è la stessa cosa) hanno comunque dovuto confrontarsi con Bruxelles e con gli impegni presi a livello europeo dai mestieranti politici, senza mai avere interpellato i cittadini.

Avendo promesso al popolo meno tasse e tangibili segnali di ripresa ed a Bruxelles più denaro da devolvere alle banche, in quel gioco al massacro chiamato debito pubblico, si sono trovati giocoforza in un cul de sac dal quale poteva sembrare impossibile uscire.

Ma il bestiario politico italiano, capitanato da Giorgio Napolitano è una confraternita piena di risorse, alla quale i lampi di genio non mancano mai alla stessa stregua degli utili idioti, dentro e fuori dal parlamento.

Dopo un paio di settimane vissute all’insegna del gioco delle tre carte, Imu a dicembre si, Imu a dicembre no, aumento dell’IVA si o in sostituzione aumento della benzina e dell’Irap e via discorrendo, che tradotto in cruda realtà stava a significare “non riusciamo a decidere se darti tante bastonate sulla schiena o piuttosto una coltellata”, ecco trovato l’uovo di Colombo, necessario per ottenere la quadratura del cerchio.

Una crisi di governicchio pilotata, un utile idiota disposto ad arrampicarsi sugli specchi per difendere il proprio status quo ed una massa di utili idioti equamente divisa fra berlusconiani ed anti berlusconiani, disposta a bersi qualsiasi corbelleria, nel nome dell’odio o dell’amore per il salapuzio di Arcore.

“Abbiamo deciso di darvi sia la coltellata, sia le bastonate, ma la colpa non è nostra, bensì della crisi di governo e per proprietà transitiva di Berlusconi che la crisi l’ha creata, inseguendo il proprio tornaconto personale.”

Aumenteranno l’IVA e pure la benzina ed a dicembre tornerà l’ICI, senza che venga accantonato il progetto di una nuova service tax a carico degli inquilini, ma non sarà colpa del governicchio Letta che deve devolvere quanto promesso a Bruxelles, bensì della sua crisi e di chi l’ha ingenerata.

Letta ed Alfano non avrebbero mai fatto qualcosa di così disdicevole e lo dimostreranno tornando fra qualche settimana a governare, con una nuova maggioranza d’inciucio allargato e la benedizione di Napolitano che ha tirato le fila di questa ennesima comedia dell’orrore. L’Italia della disoccupazione, dei suicidi e dei portafogli ancora più vuoti tornerà ad avere un governo ed a parlare di temi etici, fingendo che tutto vada per il meglio, almeno fino a quando EquiBruxelles non busserà per esigere la prossima rata e ricomincerà il gioco delle tre carte, perchè in Italia mancheranno anche i soldi, ma gli utili idioti no, quelli non mancheranno mai.

Categorie : Politica
Commenti (0)