Seguimi su facebook twitter Google + youtube picasa foursquare RSS

Archive for 5 stelle

TRI

Nonostante non occupi in permanenza le cronache nazionali nè, tanto meno, l’attenzione degli interventi governativi, il territorio del Brindisino presenta problematiche socio-ecomomiche ed ambientali pari se non più gravi di quelle di altri territori al centro dell’attenzione pubblica.

Nonostante la presenza di impianti industriali molto impattanti, tassi di morbilità e mortalità ben oltre la norma, non si dispone neanche di un registro tumori ed epidemiologico che funzioni a pieno regime.

Non mancano certo importanti inchieste nei confronti di ENEL per la centrale a Carbone di Cerano, di ENI per il petrolchimico e i veleni sepolti a Micorosa, nonché su traffici illeciti di rifiuti. La situazione sociale è esplosiva con una disoccupazione record e povertà dilagante. Sempre più giovani lasciano la propria terra in cerca di un futuro altrove. Una emorraggia massiva che sta svuotando il territorio di coloro, che più di tutti, potrebbero garantirgli slancio e ripresa.

A fronte di questa drammatica situazione nessuno sembra preoccuparsi ed ancor meno prendere importanti e radicali provvedimenti. Un territorio abbandonato a se stesso, agonizzante nonostante abbia tutte le carte in regola e le risorse per rialzare la testa e puntare al futuro verso un modello di sviluppo innovativo e sostenibile come sta avvenendo in altre realtà europee quali il Nord Pas de Calais, ex bacino carbonifero nel nord della Francia, dove da oltre un anno è in corso un vero e proprio processo di decarbonizzazione al 2050 tramite una reindustrializzazione che mira a creare 165.000 posti di lavoro entro 25 anni, i primi 20 mila dei quali sono stati già creati in un solo anno.

A dettare le linee guida di questo processo, un Master Plan ispirato ai principi della Terza Rivoluzione Industriale e dell’economia circolare, elaborato dal team internazionale di Jeremy Rifkin esperto di fama mondiale in materia di nuovi modelli economici distribuiti e sostenibili. Principi che, in Puglia, hanno dato vita, grazie ad una proposta innovativa, a Territorio Zero Puglia che si articola in dodici punti (quattro per l’energia, quattro per i rifiuti, e quattro per l’agricoltura), un vero e proprio “Dodecalogo” che, se realizzato potrebbe garantire per il territorio pugliese un nuovo sviluppo basato sulla sostenibilità e la creazione di nuovi posti di lavoro, contribuendo a far uscire i nostri territori dalla perdurante crisi economica, sociale e ambientale che l’attanaglia.
Si tratta dell’adattamento al tessuto economico regionale delle proposte del libro Manifesto Territorio Zero scritto da Angelo Consoli (direttore dell’Ufficio europeo proprio di Rifkin, e Presidente del Circolo europeo per la Terza Rivoluzione Industriale), e di molti esperti e attivisti all’interno e all’esterno del Movimento 5 Stelle, il dodecalogo di Territorio Zero Puglia comprende 12 punti nati dal confronto e la collaborazione di numerosi esperti in una serie di incontri che si sono avvicendati nell’arco di due anni e a cui ho potuto fornire il mio contributo e la mia collaborazione e propone soluzioni concrete e immediatamente realizzabili che, se associate ad altri importanti azioni in ambito turistico e culturale, farebbero decollare lo sviluppo nei nostri territori.

Si tratta di un cambiamento epocale” dichiara Angelo Consoli “Il Cambiamento però non può essere garantito dalla stessa classe politica che ha generato la crisi. Ci vogliono persone nuove, con le mani libere dagli interessi di lobby e potentati economici che condizionano la partitocrazia tradizionale, persone in grado di interpretare lo spirito e la filosofia di Territorio Zero per guidare la Puglia verso una società a emissioni zero, rifiuti zero, km zero, ma anche disoccupazione zero, malattia zero e zero privilegi.”.

Il futuro è nei nostri passi e nelle nostre scelte.

feb
18

LAVORO LAVORO LAVORO

Di | Commenti (0) Stampa Stampa

terza_rivoluzione_industriale_makers_2

Lavoro. Tutti lo cercano, tutti lo vogliono, tutti lo annunciano ma trovarne anche solo traccia è davvero impresa ardua. Tutte le politiche adottate sino ad ora per creare occupazione hanno solo prodotto precariato e null’altro.

Le aziende chiudono a ritmi vertiginosi, la disoccupazione, in particolare quella giovanile e al sud , ha raggiunto cifre record, le grandi imprese delocalizzano, il ricorso alla cassa integrazione è al massimo storico e in continua crescita. La drastica riduzione del reddito  e il conseguente calo delle entrate fiscali ha portato la tassazione a livelli non più sopportabili che, a sua volta, strangola il sistema economico e produttivo del paese.

Come usicre da tale circolo vizioso?

A fornirci un esempio concreto e fattibile è una regione della Francia: il nord pas de calais. Molto somigliante , sotto diversi aspetti, alla Puglia: 4 milioni di abitanti circa, per decenni importante bacino carbonifero e presenza di industria pesante (acciaio, chimica). Regione che scommette su un modello di sviluppo decisamente diverso da quello che la ha caratterizzata per decenni. Un modello di sviluppo basato sui principi della Terza Rivoluzione Industriale; una scommessa sul futuro che si dimostra vincente con la creazione di numerosissimi posti di lavoro grazie ad importanti investimenti in innovazione, efficienza e sostenibilità.

Un piano concreto che puntando su attività a bassa intensità di capitale ma ad alta intensità di lavoro ha saputo rigenerare l’economia di una regione profondamente in crisi. Ugual cosa accadrebbe in Puglia, regione che potrebbe contare altresì su importanti risorse in ambito turistico, culturale e agroalimentare.

#puglia5stelle #sipuòfare #avoilascelta #unodivoi

received_10152504725646058

Stamane siamo andati al tribunale di Brindisi a depositare un esposto nei confronti del Presidente  Vendola e dei funzionari di Acquedotto pugliese responsabili, come ammesso dal vice ministro all’ambiente,  di aver rilasciato l’autorizzazione allo scarico di reflui fognari nella zona A (massima protezione) della riserva marina di Torre Guaceto.

Guai in arrivo per Niki Vendola e AQP. Abuso d’atti d’ufficio  e abuso di potere, questi i reati ipotizzati dai 5 stelle della provincia di Brindisi che, sabato 17 Gennaio, si sono recati presso la Procura della Repubblica  per depositare un esposto nei confronti del Presidente della Regione Puglia e alcuni funzionari dell’acquedotto  pugliese.

Al centro dellla questione lo scarico, all’interno della area marina protetta di Torre Guaceto,  delle acque provenienti dal depuratore consortile di Carovigno, autorizzato senza l’obbligatoria “Valutazione di Incidenza Ambientale “.

A confermare la mancanza di questo fondamentale atto, il sottosegretario  all’ambiente  On. Silvia Velo in risposta ad una specifica interrogazione parlamentare del Deputato 5 stelle Diego de Lorenzis.

Una problematica, quella di Torre Guaceto, che i pentastellati stanno seguendo sin dall’inizio con attenzione e forte preoccupazione e sulla quale hanno costituito una apposita task force con parlamentari e attivisti locali in stretto contatto con il Comitato Nazionale di salvaguardia di Torre Guaceto e il suo Presidente  Dr Elio Lanzillotti a cui va il merito di questa iniziativa che i 5 stelle, condividendola, hanno deciso di sottoscrivere e sostenere con forza.

A depositare l’esposto numerosi attivisti locali della provincia di Brindisi, la Senatrice Barbara Lezzi, il Deputato  Giuseppe D’Ambrosio  e l’eurodeputata Rosa D’Amato.

“Siamo tutti impegnati in questa vera e propria emergenza territoriale – chiosano i 5 stelle – per salvaguardare una tra le riserve marine più importanti del mondo. Un gioiello del nostro territorio  nonchè tassello importante dell’economia locale. Un tesoro da custodire e valorizzare non certo da distruggere sversandoci dentro scarichi fognari”.

Commenti (0)

bandiera europea

Pro Frage, No Farage. Pro Verdi, No verdi. Ecc… Questo è lo scenario che ci si trova di fronte quando si cerca di capire quale sia la situazione nel parlamento europeo e quali le possibili scelte a disposizione del M5S.

Chiariamo subito che io sono il primo a non avere una risposta e che da giorni cerco di informarmi e capire, ma aimè tra mille difficoltà trovo solo tifoserie schierate che cercano di propinare la loro verità. E mi ritrovo come davanti ad un talk show dove i partecipanti dicono tutto e il contrario di tutto ed è impossbile capire chi sia quello credibile ed affidabile.

Su facebook cerco di condividere vari punti di vista, indifferentemente da quale tesi sposino, ma che possano indurre curiosità e quindi spingere a riflessioni quanto più neutrali possibile. Anche in questo caso però gli iterventi dei tifosi impedisce un sano ed utile confronto.

Il risultato di tutto ciò è semplicemente una radicalizzazione della discussione e chi non capisce, non comprende o ha dei dubbi vede solamente attacchi al M5S e a Grillo e, per meccanismo di difesa, si trasforma anch’esso in tifoso.

Se non usciamo da questa empasse, se non la smettiamo di fare semplicemente i tifosi, se non lasciamo l’approccio ideologico non saremo in grado di fare una scelta consapevole e ponderata. E’ il momento della riflessione e dell’approfondimento. Sbagliare è facile come bere un bicchiere d’acqua, non complichiamoci la vita.

Categorie : 5 stelle, Politica
Commenti (1)
mag
27

La tranvata

Di | Commenti (0) Stampa Stampa

dislike11

N0n sarò certo io a nascondermi dietro i soliti discorsi in politichese per cercare di  minimizzare il risultato alle elezioni amministrative di Ostuni. I numeri sono chiari e non lasciano spazi ad interpretazioni varie; ci siamo sottoposti al giudizio degli elettori e questi ci hanno sonoramente bocciato.

Inutile nascondersi dietro le solite scuse, seppur reali, tipo il voto di scambio, la disinformazione, il clientelismo, la truffa dei 560 candidati, ecc. Non riesco ad immaginare che ad Ostuni non vi siano almeno 5 mila cittadini fuori da queste logiche, non essere riusciti neanche ad intercettarne un quarto è totale responsabilità nostra e non certo di qualcun altro.

Cosa fare adesso? Non mollare, questo di sicuro, ma se non si partirà da una seria analisi per capire i motivi di tutto ciò, darsi degli obbiettivi e porvi rimedio; beh perderemo solamente del tempo all’inseguimento di sogni comunque totalmete irrealizzabili.

Mi rivolgo infine ai 464 che ci hanno votato: abbiamo bisogno di voi, della vostra partecipazione. Anche solo qualche ora al mese. Una decina di persone non può fare tutto il lavoro.

Categorie : 5 stelle
Commenti (0)