iapra li  uecchie

Menu

Coppola fotocopia di Tanzarella

coppola

Cambiano, ma neanche tanto, facce e nomi ma la musica è sempre la stessa. Si autoelogiano, fanno lunghi discorsi per elencare ciò che hanno fatto, mentre i cittadini sono alla prese coi problemi di sempre.  Problemi che, proprio perché non affrontati e risolti , continuano a peggiorare e intanto il solco tra politica e vita reale si fa sempre più profondo.

Ostuni ha bisogno di una seria pianificazione, di una vision a lungo raggio non certo di interventi estemporanei o di una amministrazione azzoppata e sotto lo scacco degli equilibri tra partiti.

Emblematica la mancanza degli assessori al turismo e cultura. Dimostrazione dell’assenza di un progetto  chiaro e definito capace di ridare slancio alla città e di persone in grado di realizzarlo.  Temo ci dovremmo accontentare di assessori che, come nel passato, non andranno oltre la mera formulazione del calendario eventi.

Negli altri settori, poi, non sono da meno. Nulla hanno fatto per il commercio, nulla sul decoro urbano, nulla sulla gestione dei rifiuti, nulla su trasporti e viabilità e le strade continuano ad essere un colabrodo. In compenso hanno aumentato la tassazione locale.

Personalmente non mi meraviglio. Sapevo bene  che l’annunciato cambiamento era in realtà un bluff, c’erano tutti gli elementi per affermarlo. Da anni seguo il consiglio comunale in cui  Coppola e la sua compagine ha sonnecchiato per anni, incapaci di far opposizione e formulare proposte. Figurarsi a governare!

Bluff  che oggi assume i contorni di una vera e propria truffa ai danni dei cittadini/elettori mediante l’alleanza con coloro che, come scrisse lo stesso Coppola, “hanno distrutto il nostro territorio “.

 

Categories:   Politica