iapra li  uecchie

Menu

Totale fallimento

game_over

Comunicato stampa di Ostuni 5 Stelle:

“Il sindaco torni con i piedi per terra e prenda atto del suo totale fallimento. Prima lo farà e prima la città potrà muoversi verso un reale cambiamento.”
A dichiararlo gli attivisti 5 stelle di Ostuni con, in testa, Paolo Mariani candidato consigliere alle imminenti elezioni regionali che aggiunge:
“Da otto mesi l’amministrazione brancola nel buio senza dare alcuna risposta ai mille problemi della città, ma pensando solo a come mantenere salda la propria poltrona. Il cambiamento è stato solo un bell’annuncio e, tra incompetenza e scontri politici anche all’interno del centro destra, la città, lasciata dal centro sinistra in condizioni drammatiche, si avvia spedita verso il totale declino. Onestà vorrebbe che si prendesse atto dell’incapacità e della impossibilità ad amministrare la città e si restituisse la parola ai cittadini.

Vogliono evitare il commissariamento, ma non sono neanche in grado di garantire l’ordinaria amministrazione. A otto mesi dall’elezione siamo ancora senza un assessore al turismo, settore strategico per la città.
Accordo col PD? C’è sin dall’inizio con l’elezione del presidente del consiglio comunale, nonostante uno scivolone che ha dimostrato l’incapacità del sindaco di gestire la propria compagine, e i disastrosi risultati sono sotto gli occhi di tutti.Al segretario cittadino del pd che parla di accordi alla luce del sole, che nessuno conosce, e della volontà di rimettersi al giudizio dei cittadini ricordo che l’unico modo è quello che passa per il voto. Se vogliono governare con Coppola si presentino insieme e si facciano eleggere.

Io ricordo una campagna elettorale in cui si annunciava il cambiamento e di mandare via chi aveva governato negli ultimi anni, non di banchettarci insieme con equilibrismi sulle spalle dei cittadini che illusi dalle solite false promesse fatte in campagna elettorale attendono che ci si occupi dei loro problemi quotidiani. Sono stati chiamati a risolvere i nostri problemi, non i loro.

Categories:   Politica