iapra li  uecchie

Menu

Fortemente inquinato

fortementeinquinato

Per il secondo anno consecutivo, Goletta Verde di Legambiente verifica un forte inquinamento in prossimità dello sbocco del depuratore di Ostuni in località Villanova. Le analisi rrilevano una forte presenza di batteri intestinali, di molto superiori ai valori di sicurezza previsti dalla normativa vigente. Nessuna analisi e quindi nessuna notizia su eventuali altri agenti inquinanti: sostanze chimiche, saponi, ecc.

La cosa non deve sorprendere visto che, come noto, il depuratore di Ostuni non è in grado di sopportare il carico di lavoro a cui è sottoposto, ne in situazione normale quando deve soddisfare solamente le esigenze della popolazione residente ne, tanto meno, durante la stagione estiva quando le presenze sul territorio arrivano persino a quintuplicarsi.

Non a caso è previsto un potenziamento dell’impianto. Progetto già in elenco tra i tanti previsti dall’acquedotto pugliese, gestore dell’impianto, ma che attende di essere realizzato come i tanti interventi previsti sui depuratori di tutta Puglia la cui situazione è, a dir poco, disastrosa.

Ma se l’acquedotto pugliese latita, la politica locale dorme e così di fronte alle rilevazioni di Goletta Verde, lo scorso anno il sindaco Tanzarella e quest’anno – a conferma del cambiamento avviato – il sindaco Coppola, la risposta è sempre la stessa. Invece di pretendere dall’acquedotto la risoluzione del noto problema fonte di inquinamento, forti rischi sanitari per la popolazione nonché un considerevole danno di immagine si limitano a minimizzare la problematica e a criticare la diffusione di questi dati.

Un paradosso per la “nuova” amministrazione giustamente preoccupata per il rischio sversamenti in mare che potrebbero nascere da una vasca di decantazione prevista a ridosso della spiaggia del Pilone, ma totalmente indifferente a reali fiumi di merda che concretamente si riversano in mare ogni anno.

Categories:   Ecologia/Ambiente