iapra li  uecchie

Menu

Civile dialettica o prese per il culo

preseperilculo

Il post di ieri ha suscitato non poche reazioni. L’indignazione si è diffusa in un popolo che, mi pare di capire, si è sentito direttamente coinvolto negli argomenti trattati. Cortigiani e cavalieri pronti a difendere il proprio re e reame da un accusa che nessuno gli ha mosso.

Quello di ieri era solo un esempio, estremo e provocatorio, ma che aimè non è tanto fantasioso in un paese ai primi posti in europa per corruzione. Forse l’associazione o lo sdegno è relativo all’immagine che accompagnava il post, ma anche qui cosa c’è di nuovo e di scandaloso nello scrivere che ormai da tanto, troppo tempo le belle promesse elettorali, i bei slogan che capeggiano sui megamanifesti sparsi nelle città finiscono immancabilmente in fondo al cesso il giorno dopo il voto? Non si deve dire cesso? Meglio WC, gabinetto, servizio igienico? Ok, chiamatelo come vi pare ma sempre cesso è.

Ma certe cose non si devono dire, certi argomenti non devono essere trattati. Il confronto deve avvenire nel rispetto delle parti e, sopratutto sulle proposte, sui programmi. Ma forse per rispetto delle parti si intende far finta di nulla e tacere di fronte all’ennesima presa per il culo della campagna elettorale dove le belle promesse abbondano, la partecipazione è stimolata e favorita, dove tutto è una bellissima premessa? Basterebbe andare a vedere i programmi elettorali di 5 anni fa di quelle stesse forze politiche che oggi si ripresentanto alle elezioni. Anche allora belli e promettenti, ma rigorosamente finiti in fondo al cesso il giorno dopo il voto.

In fondo al cesso sia quelli di chi le elezioni le vinse, sia di quelli che sono finiti all’opposizione. Ma questo nessuno ve lo racconterà, il bon ton, il political correct che altro non sono che sinonimi di ipocrisia fa si che ci si confronti su promesse che, si sa in partenza, non verranno mai rispettate.

Andatevi a leggere i programmi e poi confrontateli con quanto fatto realmente da questi venditori di pentole. Andate a vedere chi prometteva ferrea opposizione a nuove cementificazioni del territorio come ha votato o come ha fatto “opposizione” in merito ad una nuova colata da 131 mila metricubi di cemento sulla costa. Oggi parlano di trasparenza, ma in questi 5 anni hanno forse diffuso documenti ed informazioni riguardo a quanto si è discusso ed approvato in consiglio comunale? Oppure si sono tenuti le notizie per loro, favorendo proprio quella mancata trasparenza contro cui oggi giurano battaglia allo stesso modo in cui giuravano battaglia alla cementificazione? E quando il nuovo regolamento del consiglio comunale ha previsto il divieto di videoregistrare le sedute qualcuno ha protestato, qualcuno si è battuto per quella trasparenza che oggi capeggia sui manifesti elettorali? Oppure l’unica battaglia fatta è stata sulla presenza del crocifisso in aula? Gli occhi di cristo si quelli dei cittadini no. E che dire della legalità? L’esempio lampante proprio nell’ultimo consiglio comunale dove l’amministrazione si è inventato un triplo tuffo carpiato per cercare di mettere una pezza a colori allo scempio fatto nella zona artigianale. Uno scempio dove l’illegalità è palapabile e visibile pure a un cieco. Forse qualche paladino della legalità ha preteso il rispetto della legge e detto che l’ennesima sanatoria mascherata per accontentare chi in questi anni ha cercato di raggirare la legge non era la soluzione, non era rispettosa di quel principio di legalità che oggi capeggia sui megamanifesti? Oppure le critiche riguardavano il fatto che non tutti coloro che hanno avuto poco rispetto della legalità potessero trovare soddisfazione nella soluzione proposta? Ma concludiamo con la meritocrazia. Quella che ha portato a candidarsi a sindaco un consigliere che per 5 anni ha fatto presenza, un consigliere che su argomenti di primaria importanza quali la gestione del territorio (PUTT/p) e la gestione dei danari (Bilancio) nei sui interventi ha ammesso candidamente di non avere alcuna competenza e quindi di non potersi esprimere nel merito!!!

Civile dialettica chi? Queste prese per il culo? Partecipateci voi se vi piace e magari pure col sorriso sulle labbra.

Categories:   Politica

  • ResPubica

    te lo spiego facile facile, con la tua uscita a capocchia hai fatto guadagnare simpatie a Coppola.
    ammettere di aver fatto una cazzata no eh?

  • Isabella

    Trasparenza, legalità, meritocrazia sei convinto che la gente la voglia ? La pretenda? O preferisce promesse di posti di lavoro a qualsiasi costo? A costo di cementificare , inquinare, schiacciare gli altri, delinquere!