iapra li  uecchie

Menu

Everybody needs Saponaro to love

processionesaponaroNiente, è più forte di loro. Il trovare l’uomo della provvidenza, colui che scenderà tra noi popolani per salvarci tutti è la ricetta di sempre. Si chiami Berlusconi, Monti o Renzi a livello nazionale o Saponaro a livello locale il mantra è sempre lo stesso tanto da spingersi all’idolatria e lanciarsi in accorati e quotidiani appelli affinchè il “nuovo” di turno salvi la città dalla pestilenza del nuovo secolo.

E come ogni buon santone quello “nuovo” si fa avanti, poi si tira indietro, poi nuovamente avanti e poi indietro ancora al fine di aumentare sia la suspance sia il misticismo intorno alla sua figura. Sa bene di essere uno di quelli ad aver contribuito a creare non pochi dei problemi che oggi investono i cittadini. Sta in politica da decenni; consigliere comunale, poi regionale per arrivare ad ottenere l’assessorato regionale al bilancio. Ed è proprio durante la sua gestione che si forma il buco nei conti della sanità che costringerà poi al piano di rientro e la chiusura di numerosi ospedali. Un merito che viene subito premiato con la nomina di direttore in una azienda della regione (innovapuglia) che gli garantisce da anni un lauto stipendio da sommare al vitalizio da oltre 6 mila euro al mese già maturato.

Il continuare a chiamarlo manager invece che politico non basta, bisogna creare un aspettativa, un mistero che spazzi via la propria storia e gli consenta di scendere in campo per acclamazione popolare. Una acclamazione che però non arriva nonostante gli sforzi dei suoi più accaniti fans che creano una apposita pagina facebook che fatica ad arrivare poco sopra ai 300 like, di cui molti manco di Ostuni. Il salvatore non si espone, non risponde. Lascia tutti nel dubbio, alimenta il mistero. Farà il passo indietro sul passo indietro? Ci salverà? Chi afferma non abbia mai rinuciato alla candidatura, chi addirittura che si sia già dimesso dal prestigioso incarico a Innovapuglia per immortalarsi a paladino della città bianca.

Ma è solo un giochetto per riempire i giornali locali e per dare fiato alle trombe ai poLLitici locali che non hanno altri argomenti su cui far interessare la popolazione. Una popolazione che guarda con distacco, ed anche nausea, tutto questo, consapevoli che questo “nuovo” santone come i precedenti sarà comunque una fregatura.

Categories:   Politica