iapra li  uecchie

Menu

Un disastro da bonificare immediatamente

RD

Corrispondono a circa 3 mila tonnellate i rifiuti scomparsi ad Ostuni nei primi sette mesi dell’anno: Dove son finiti? Sicuramente sono disseminati nel territorio, tra centro abitato, area rurale e marina. Una vera e propria catastrofe ambientale cui dovrebbe esserci immediata risposta al fine di limitare i danni derivanti dalle innumerevoli discariche a cielo aperto disseminate ovunque.

I dati sono facilmente desumibili dal sito rifiutiebonifica.puglia.it dove vengono pubblicati, comune per comune, i dati relativi alle gestione dei rifiuti. Da Gennaio a Luglio di quest’anno il totale di rifiuti raccolti ad Ostuni è di poco superiore alle 8 mila tonnellate, mentre nello stesso periodo dell’anno precedente si assestavano sulle 11 mila tonnellate e mezzo. Se, anche in seguito alla crisi ed alla relativa diminuzione dei consumi, può essere giustificabile un lieve calo nella produzione dei rifiuti, una diminuzione di circa il 35% non si registra neanche in quelle località dove da anni si sono messi in atto numerose pratiche incentivanti per ridurre i rifiuti. Persino Capannori, comune nella provincia di Lucca che ha fatto di Rifiuti Zero una priorità della propria azione amministrativa non è stata in grado, sino ad ora, di registrare tali diminuzioni.

Basta farsi un giro per il territorio di Ostuni (campagna, mare o centro abitato) per rendersi facilmente conto delle numerose discariche a cielo aperto presenti e della quantità di rifiuti abbandonati nell’ambiente. E’ indispensabile che il comune avvii immediatamente un intensa operazione di bonifica e che metta in atto una adeguata strategia al fine di ripulire nel giro di un paio di mesi l’intero territorio. Una strategia che coinvolga Vigili urbani, ditta incaricata della raccolta dei rifiuti e cittadini. Serve che i vigili urbani avviino un intenso controllo del territorio per individuare discariche e rifiuti abbandonati, sia istituito un numero verde dove i cittadini possano segnalare aree da ripulire nonché l’immediata adozione di decorourbano.org utilissimo allo scopo ed infine che la ditta gestore del servizio di raccolta rifiuti metta a disposizione personale e mezzi dedicati solo a questa indispensabile operazione. Il tutto è da fare con assoluta immediatezza, non si può aspettare oltre.

Categories:   Ecologia/Ambiente