iapra li  uecchie

Menu

Inciviltà o incapacità?

cestinirifiuti2

Da diversi mesi, con l’avvio del nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani, molte aree di Ostuni, tanto nella zona rurale che in quella urbana, sono divenute vere e proprie discariche a cielo aperto. La classe politica, maggioranza ed opposizione, seppur con qualche lieve e sfumata differenza di convenienza ben coadiuvato dai pennivendoli del momento, ha sempre puntato il dito contro l’inciviltà della popolazione quale primaria causa di questo drammatico degrado. Infinite le stupidaggini lette e sentite in questi mesi da improvvisati “esperti” nella gestione dei rifiuti (impossibile fare la differenziata in un territorio vasto come quello di Ostuni) frutto della più totale ignoranza ed incompetenza in materia, senza la benchè minima umiltà di sprecare qualche ora del proprio prezioso tempo ad informarsi su cosa avviene in altre realtà anche più imponenti della città bianca.

Cosa c’è di più facile che lanciarsi in vuoti slogan ed etichettare una popolazione come incivile? Molto più difficile informarsi e, utopico, assumersi le responsabilità del proprio ruolo (trovare soluzioni) e del proprio agire.

Il cestino nella foto è, oltre che emblematica della situazione, una evidente risposta ai tanti polliticanti che con facilità hanno attribuito responsabilità a chi non le aveva esonerando e, di conseguenza, assolvendo chi invece le aveva tutte e avrebbe dovuto trarne le dovute conseguenze.

Uno dei tantissimi cestini presenti nel centro storico che già alle nove di sera erano stracolmi. Per poterne trovare uno utile dove conferire dei rifiuti è stato necessario girare per un ora ed addentrarsi in un vicolo poco frequentato dove sapevo esserci un cestino. Contrariamente avrei dovuto o contribuire allo scempio che si vede in foto oppure girovagare ancora. In questa situazione pare ovvio che la stragrande maggioranza non possa fare altro che contribuire al degrado, ma non certo per inciviltà ma per mancanza di alternativa.

Possibile che nessuno abbia mai pensato che in estate, con l’afflusso dei turisti, sia necessario un servizio di svuotamento costante di quei cestini? Una squadra che giri nelle aree frequentate da questa folla di persone e che provvede a mantenere pulito? Cosa ci vuole per arrivare a ipotizzare una cosa così ovvia e di buon senso?

Di chi è la responsabilità, dei cittadini che volendo conferire i rifiuti negli appositi cestini se li trovano stracolmi oppure di chi amministra e gestisce il servizio di igiene urbana del comune? Sono certo della risposta dei comuni cittadini così come sono certo delle inutili e stupide risposte della politica locale. Da parte mia rinnovo il mio invito all’assessore all’ambiente Giuseppe Santoro: DIMETTITI!

 

Categories:   Politica