iapra li  uecchie

Menu

A proposito di responsabilità

finanziamenti-ai-partiti

Se vi trovaste in difficoltà economiche e  costretti a scegliere come ripartire le risorse a disposizione (cosa che fanno giornalmente milioni di Italiani), cosa fareste? Spendereste i vostri danari per comprarvi il cibo o il cellulare di nuova generazione? I libri per la scuola ai vostri figli oppure la crociera nel mar dei caraibi? Il riscaldamento per la vostra casa o una nuova automobile?

A parte qualche esaurito che farebbe di certo la scelta più scellerata, sono profondamente convinto che praticamente tutti opterebbero per le opzioni di buon senso, quindi per quelle indispensabili per vivere.

Purtroppo per noi, invece, gli esauriti, quelli delle scelte più scellerate sono concentrati in parlamento e così tra lo scegliere se finanziare i partiti e finanziare le piccole-medie imprese che danno lavoro a milioni di persone, scelgono di finanziare i partiti. Moltissime imprese vantano crediti con lo stato e a causa di queste rischiano il fallimento a cui conseguono i licenziamenti per tantissime persone, ognuna delle quali fonte di sostentamento per la propria famiglia. Fallisce l’impresa ed intere famiglie finiscono in miseria.Di tutto questo, naturalmente i giornali e le Tv non ve ne parleranno.

Ieri in commissione bilancio è stato bocciato un nostro emendamento del M5S che istituiva un Fondo rotativo finalizzato alla concessione di un finanziamento alle micro-imprese e alle piccole imprese che vantino crediti con la pubblica amministrazione.

La dotazione del Fondo doveva essere finanziato con l’abrogazione delle erogazioni a titolo di cofinanziamento ed il rimborso per le spese elettorali sostenute da partiti e movimento politici.

In pratica dicevamo che volevamo finanziare con un Fondo le imprese che hanno crediti con la P.A. tramite l’abrogazione dei rimborsi elettorali.

Pd e Pdl inizino ad assumersi questa responsabilità.

Luigi di Maio – Portavoce 5 Stelle

Categories:   Economia/Lavoro, Politica