iapra li  uecchie

Menu

Armi: altri 22 miliardi

armi

Dopo gli F-35, altri 22 miliardi di euro per le spese militari

E’ questa la cifra sbalorditiva che, in barba alla crisi, le Forze Armate italiane si apprestano ad impiegare per la cosiddetta digitalizzazione dell’Esercito, un record che batte persino le stime per l’acquisto dei famosi F-35 (14 miliardi di euro).

Un fiume di denaro pubblico che servirà, tra l’altro, a dotare un élite di 558 “soldati del futuro” (circa mezzo milione di euro ad unità) di tecnologia bellica high tech.

Dall’avanguardistico mirino Specter integrato con una microtelecamera ad infrarossi, agli occhiali per la visione notturna montati sull’elmetto, ai mini navigatori gps piazzati sulla spalla al lanciagranate coassiale con correttore automatico di tiro fino al tablet blindato con touch screen per i comandanti.

Su quest’ultimo “fondamentale” strumento, tuttavia, i tecnici manifestano qualche perplessità: c’è la possibilità, infatti, che possa non funzionare nelle battaglie ingaggiate nel fango (ma con chi le dovremmo ingaggiare le battaglie nel fango?). Insomma, roba fondamentale per il paese. Esattamente ciò che i cittadini chiedono. O no?

A proposito: la Costituzione italiana, all’articolo 11, recita: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”

Massimo Malerba

Categories:   Economia/Lavoro, Politica