iapra li  uecchie

Menu

Via dall’Afghanistan

litalia-ripudia-la-guerra_art-11g

Mentre i partiti ostacolano la costituzione delle commissioni e, quindi, impediscono al Parlamento di svolgere la sua funzione (fare le leggi) ma non ai Parlamentari di prendere il loro stipendio. Il moVimento 5 stelle cerca di portare all’attenzione della Politica le cose importanti. Dopo l’interrogazione sulle Slot machines di cui vi ho parlato qualche giorno fa, sono state presentate altre due importanti mozioni: una per l’istituzione di una commissione di inchiesta sulla ricostruzione in Abruzzo (vedi il video) ed una per l’immediato ritiro delle nostre truppe in Afghanistan. Altro che le chiacchere che ci raccontano i giornali e le Tv.

MOZIONE

La Camera,

premesso che:

– con i suoi 12 anni di coinvolgimento diretto del nostro Paese, la guerra in Afghanistan risulta essere più duratura rispetto a quelle che hanno caratterizzato il ‘900;

– esportare la democrazia utilizzando la forza militare è una contraddizione in termini;

– il modello politico, sociale e di sviluppo occidentale non è un valore universale;

– l’art.1 dello Statuto delle Nazioni Unite, l’art.1 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali e l’Atto Finale di Helsinki del 1975 sanciscono che l’autodeterminazione dei popoli è un diritto universale che permette a ogni popolazione di decidere liberamente il proprio statuto politico senza ingerenza esterna;

– il nostro Paese è intervenuto per contrastare il terrorismo internazionale e per tutelare i diritti umani ma storicamente la guerra si è dimostrata la negazione degli stessi;

– un altro obiettivo che si voleva raggiungere con l’intervento era contrastare la produzione di oppio, obiettivo fallito dato che sotto il regime talebano la stessa produzione era calata drasticamente per poi tornare a livelli preoccupanti solo successivamente all’intervento (oggi l’Afghanistan, con oltre il 90% della produzione, è il principale produttore di oppio al mondo);

– la situazione sanitaria in Afghanistan resta drammatica nonostante ONG e associazioni italiane operino nel pieno rispetto dei principi umanitari grazie a generosi contributi del popolo italiano;

– lo svolgimento delle attività economiche è reso difficile dalla guerra in atto;

– nonostante i buoni risultati ottenuti dalla campagna di alfabetizzazione delle forze ANP (polizia afghana), il numero di violazioni dei diritti umani perpetrati dalle stesse restasignificativo.

– occorre prendere atto che la guerra è persa e che gran parte del territorio afghano è sotto controllo dei talebani e di altri gruppi armati non governativi;

– gli stessi USA stanno pensando a una exit-strategy non potendo più sostenere i costi di tale operazione militare specie in uno scenario di crisi economica globale;

– in questa guerra, dipinta come missione di pace, hanno perso la vita 52 nostri soldati e oltre 70.000 civili afgani, molti dei quali uccisi dai bombardamenti NATO ed è costata finora ai cittadini italiani oltre 4,5 miliardi di euro, denaro che sarebbe stato opportuno usare diversamente, ad esempio, per sostenere le PMI, l’istruzione o la sanitàpu bblica;

– l’art.11 della Costituzione Italiana dichiara che “l’Italia ripudia la guerra come strumento di  offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”;

impegna il Governo

– a elaborare e comunicare con chiarezza al popolo italiano un piano di rientro immediato del nostro contingente militare dall’Afghanistan;

– alla costruzione della pace e dello sviluppo economico e sociale, a promuovere la tutela dei diritti umani e a migliorare la condizione delle donne e della societàcivile;

– a un controllo diretto e mirato del sostegno economico italiano sia per i finanziamenti bilaterali che tramite accordi con la UE e con la NATO.

 

Categories:   Politica