iapra li  uecchie

Menu

Ambientalisti a intermittenza

silenzio

Se c’è una cosa che fatico sempre più a sopportare sono le associazioni fintoambientaliste capaci solo di far petizioni ed organizzare eventi di sensibilizzazioni ma sempre ben attenti a non calpestare troppo i piedi dei politicanti che da decenni lasciano, col loro assenso o silenzio, che il nostro ambiente e il nostro paesaggio venga devastato. Anzi spesso le loro effigi sui palazzi della politica e le loro “certificazioni” distribuite secondo ignoti parametri vengono utilizzate da questi distruttori per coprire le loro vergogne.

Molte di queste hanno organizzato nei prossimi giorni una passegiata naturalistica nelle campagne di Cisternino insieme a molti assessori regionali espressione di una maggioranza che ha appena approvato una modifica alla legge che tutela gli ulivi monumentali per favorire l’avanzata del cemento e dell’asfalto. Una passeggiata per sensibilizzare la cittadinanza sulla campagna “salviamo il paesaggio – stop al consumo di territorio” e sulla salvaguardia degli ulivi monumentali.

Bene, bravi, bis.

Ma dove erano queste associazioni quando il comune di Ostuni sacrificava decine di ulivi monumentali per realizzare un’inutile bretella stradale di fronte alla zona industriale? Hanno forse detto qualcosa? Si sono mobilitati per evitarlo? E qualche settimana fa quando abbiamo fatto appello per evitare l’ennesima colata di cemento sulla costa qualcuno si è unito al nostro appello? Qualcuno ha proferito parola? Non che mi risulti. Tutti assolutamente in silenzio! Perchè? Perchè si raccolgono firme per tutelare gli ulivi e non si dice nulla quando vengono espiantiati per opere inutili? Perchè si sensibilizza la cittadinanza sugli effetti disastrosi della cementificazione e poi si tace quando uno dei pochi tratti di costa ancora naturale viene sacrificato in onore alla speculazione edlizia?

L’impresione è che queste belle iniziative servano solo a rendere “autorevole” la loro voce affinchè le loro effigi e le loro “certificazioni” possano sempre più coprire le vergogne di una malsana e vergognosa politica.

Categories:   Ecologia/Ambiente

  • raffaele farina

    Oltre all’importante lavoro di informazione che fai e che contribuisce a far crescere la mia coscienza civica pensavo, sempre in tale direzione, ad uno strumento web che permettesse di realizzare profili di amministratori pubblici, politici, associazioni (ma anche di semplici cittadini) in cui fosse possibile pubblicare a più mani (stile wikipedia) un pò tutto quello che fanno nell’esercizio delle loro funzioni di pubblico interesse e con particolare attenzione ad una serie di sintetici indicatori utili ad valutare le loro condotte amministrative e attività (coerenza, continuità, presenza, ecc…). Quello che hai appena denunciato, per esempio, troverebbe una sua collocazione nei profili dei personaggi politici e delle associazioni che non hai potuto o voluto citare e resterebbe comunque più facilmente e in modo indicizzato a pubblica disposizione.