iapra li  uecchie

Menu

Basta Cemento sulla costa

bastacemento

Se si osserva Ostuni da google maps appare evidente come i tratti di costa non ancora invasi dal cemento siano ormai sporadiche macchie tra villaggi e insediamenti vari frutto di decenni di abusivismo e scellerate lotizzazione che hanno depauperato un territorio ed uno splendido paesaggio che in molti ci invidiano.

Nonostante ciò l’amministrazione locale continua a favorire ed autorizzare ulteriori edificazioni. Sono diverse quelle in programma e non solo sulla costa. Una di queste prevede un progetto da 133 mila metri-cubi di cemento in una area dove già insistono numerosi insediamenti per la maggior parte inutilizzati o utilizzati solamente in parte. Questo progetto, autorizzato nel 2001, è in scadenza a metà Giugno ed il consiglio comunale è chiamato ad esprimersi su una richiesta di proroga di ulteriori anni 10. Negare tale proroga sarebbe il primo passo per cominciare a dire basta al cemento.

Venuti a conoscienza di ciò gli attivisti del moVimento 5 stelle di Ostuni hanno fatto appello ai consiglieri comunali, ma ancor di più all’intera cittadinanza, per un impegno affinchè questa proroga venga negata e, finalmente, si compia il primo passo verso uno stop alla cementificazione del territorio.

Debbo però constatare da parte dei consiglieri comunali un approccio che se, da un alto, non mi meraviglia dall’altro mi dimostra ancora una volta l’assoluta necessità di mandarli TUTTI a casa. Al totale silenzio dei consiglieri di maggioranza fa eco una “opposizione” che invece di approfittare della denuncia fatta e della conseguente indignazione popolare sposta il focus su tutt’altro campo, portando il tutto nel solito scontro tra fazioni politiche dove il benessere comune (tutela della costa e del paesaggio) lascia il posto al solito chicchericcio incocludente dove non mancano certo vocaboli che col civile confronto non hanno nulla a che fare e fantasiose tesi (poco motivate) secondo cui sarebbe inutile negare la proroga.

Il problema per questi consiglieri non è il cemento ma evitare che il m5s acquisisca consenso e lo tsunami che ha investito il parlamento si schianti pure sul consiglio comunale di Ostuni.

Categories:   5 stelle, Politica