iapra li  uecchie

Menu

Sotto assedio

tutti-a-casa

Il moVimento 5 stelle, con Beppe in numerose piazze e con i vari candidati nei numerosi incontri, ha detto chiaramente sin dall’inizio qual’era il suo programma, quali erano i suoi obbiettivi. Tra questi non c’era sicuramente alcuna alleanza coi partiti, ne tanto meno la fiducia ad una classe politica resposabile del disastro socioculturale ed economico del nostro paese. Anzi, semmai la frase ripetuta continuamente e riportata anche nei manifesti di propaganda elettorale, “mandiamoli tutti a casa” era un preciso impegno preso coi cittadini che, senza se e senza ma, oggi va asolutamente rispettato insieme agli altri importantissimi e fondamentali punti del programma.

Capisco che ormai siamo abituati a politici che il giorno dopo le elezioni dicono l’esatto contrario di quanto sostenevano con vigore il giorno prima. Ma noi tutti ci siamo impegnati, abbiamo messo energie, tempo ed anche denaro proprio per cambiare questa politica non certo per mettere in Parlamento altra zavorra inutile e dannosa. A tutti coloro che continuano a sostenere di aver votato moVimento 5 stelle ma che oggi insistono per dare la fiducia a Bersani, dico: avete sbagliato, dovevate votare Bersani se avevate fiducia in lui e nel suo enturage. Noi non vi abbiamo ingannato, vi abbiamo detto chiaramente quello che volevamo fare e, oggi, stiamo solo onorando i nostri impegni.

Il Partito Democratico ha la maggioranza alla Camera dei Deputati solo grazie ad una legge elettorale vergognosa (capite perchè non l’hanno voluta modificare), è il moVimento 5 Stelle la forza politica che ha ricevuto più consensi e quindi maggior fiducia da parte degli Italiani. Di fronte a tutto ciò, la pretesa di Bersani di guidare il governo e di avere dal moVimento 5 stelle la fiducia è decisamente fuori luogo e sicuramente in contrasto con il responso elettorale.

Votare il moVimento 5 stelle, ricordatelo anche per le future elezioni, significa votare un programma, significa votare una forza politica che senza se e senza ma va nelle istituzioni col solo obbiettivo di concretizzare quel programma. Dire quel che si fa e fare quel che si è detto, una novità nel panorama politico Italiano che deve diventare normalità.

Categories:   Politica