iapra li  uecchie

Menu

Rilanciare l’edilizia

Il settore edilizia e tutto il suo indotto sono senza ombra di dubbio un pilastro importante dell’economia del nostro pese. Da anni sentiamo proclami volti al rilancio di questo impostante settore, ma da sempre le ricette messe in campo sono state nuove lotizzazioni e nuove costruzioni. Ricette che non solo hanno deturpato l’ambiente ed il paesaggio, ma non sono state in grado di dare alcun rilancio al settore ormai in stato agonizzante. Va quindi cambiata ricetta e, naturalmente, cuoco.

L’edilizia potrà trovare nuovo vigore e una nuova fase di sviluppo solo se si concentrerà su ciò che è già stato costruito. Il patrimonio immobiliare nel nostro paese è immenso, sia per quanto riguarda gli edifici storici e monumentali, sia per gli edifici residenziali realizzati negli ultimi decenni durante l’era del cemento e dei palazzinari al potere.

La ristrutturazione energetica e il recupero/rivalutazione del patrimonio immobiliare sia pubblico che privato deve diventare priorità per tutte le amministrazioni di qualsiasi livello: Comuni, Provincie, Regioni e Stato centrale. Vanno messe in atto serie ed importanti politiche di defiscalizzazione ed incentivi, nonché massicci investimenti per quanto riguarda l’immenso patrimonio immobiliare pubblico con particolare riguardo alla parte di alto pregio storico ed artistico.

Gli enti locali, che dovrebbero avere in questa strategia un ruolo centrale, potrebbero creare appositi settori dell’amministrazione dedicati a questo ambito con lo scopo di favorire le procedure abbattendo la burocrazia e fornendo tutto il supporto necessario per la fruizione degli incentivi. Lo stesso settore può provvedere alla programmazione e alla realizzazione delle ristrutturazioni riguardanti il patrimonio immobiliare pubblico. L’obbiettivo deve essere il totale recupero degli edifici pubblici da destinare ad attività di utilità pubblica. Se penso ad Ostuni mi vengono in mente almeno tre edifici pubblici da poter recuperare  e restituire alla cittadinanza: l’edificio scolastico Vitale, l’ex-macello comunale  e l’ex-orfanotrofio. Questi adeguatamente ristrutturati potrebbero  dare alla città quelle infrastrutture socioculturali che mancano (tatro, centro eventi, centri di aggregazione, ecc)

Come dicevo all’inizio di questo post, l’edilizia col relativo indotto è un importante settore economico che adeguatamente rilanciato è in grado di offrire numerosi posti di lavoro, ma per fare ciò è di fondamentale importanza cambiare ricetta, ma sopratutto il cuoco.

Categories:   Politica

  • Giancarlo

    Condivido in pieno, il “modo” di operare di questi ultimi anni in questo settore non ha prodotto altro che speculazione ed arricchimento di pochi a scapito di tante piccole imprese artigiane ormai alla canna del gas ! Cambiare Si Può per UN’ALTRA OSTUNI