iapra li  uecchie

Menu

Taranto Libera

Sabato scorso ho visto una Taranto viva, vorrei nei prossimi anni vedere una Taranto Libera.

Ciò potrà avvenire solamente se capiamo che nulla è più importante della salute e del diritto alla vita. Noi tutti lavoriamo per vivere e non viviamo per lavorare. Il lvoro deve essere prima di tutto funzionale allo sviluppo della società quindi dei suoi componenti, le singole persone. Queste devono essere prima di tutto Libere e se sono soggetti al ricatto occupazionale non lo sono, se sono malati o vedono ammalare i propri figli e i propri cari non lo sono, se c’è un qualcosa, nella fattispecie uno scellerato sviluppo industriale che distrugge tutto ciò che gli sta intorno lasciandogli solo morte e sofferenza non lo sono.

Taranto dovrà essere liberata, non sarà facile e non sarà indolore. I Tarantini si sono messi in gioco, adesso hanno bisogno dell’aiuto dell’intera Italia. Quella Italia che si è emozionata l’altra sera ascoltando Benigni. Bene basterebbe applicare la Costituzione della Repubblica Italiana per rendere Taranto Libera. Basterebbe che gli Italiani oltre a ricordarsi chi furono i padri costiutenti cominciassero a prendere coscienza chi sono stati e sono tutt’oggi i figli distruttori della Costituzione più bella del mondo.

Categories:   Ecologia/Ambiente, Economia/Lavoro, Politica, Salute/Medicina