iapra li  uecchie

Menu

Popolo Italiano, se ci sei batti un colpo

Mani sulla tastiera, mente che vaga alla ricerca di un articolo, di un video, di una vignetta, insomma di un piatto forte da poter pubblicare sul blog. Ma non trovo nulla, nulla che valuto adatto a far alzare finalmente agli italiani il culo dalla sedia, nulla che possa smuovere un popolo ipnotizzato, addormentato, chiuso nel suo egoismo e nella sua rassegnazione. Un popolo incapace di uno scatto di orgoglio, incapace di uno scatto di istintiva ribellione verso un cappio che sempre più si stringe intorno al collo, fino quasi a togliere il respiro, fino quasi a soffocare.

Ma santo dio! Cosa bisogna dire, cosa bisogna fare per far capire agli italiani che non avranno più futuro? Per far capire che verranno depredati di tutto giorno dopo giorno in nome di una falsa terra promessa chiamata salvezza dell’Italia? Ma l’Italia non siamo noi cittadini che stiamo morendo? Chi è l’Italia? Sono le banche l’italia? E’ lo spread l’italia? E’ quella roba che si chiama mercato l’Italia? Chi è allora l’Italia? La bce è l’italia? Monti è l’Italia? Ci prendono in giro. Ci parlano di Monti che va a messa, di Monti eroe perché si è pagato la cena, di Monti ben accolto in europa (mi stupirei se non lo fosse. In meridione dicono: “caurarari cù caurarari nun sè tengiono” tradotto: gente della stessa risma si protegge a vicenda).

Sempre ‘sta cavolo di europa! Ma cos’è l’europa se non un cartello di banche? Non esiste quell’europa che vi hanno messo in testa, non esiste quell’europa di esperti che lavorano e decidono per il bene dei popoli. E’ una fiaba, come quella di cappuccetto rosso. Lo ripeto: l’eu-ro-pa-è-un-car-tel-lo-di-ban-che! lontana mille miglia dalla gente, nemmeno sono eletti quei signori che decidono a porte chiuse, sono scelti, cooptati, per un unico scopo: strozzare i popoli, schiavizzarli, far perdere loro qualsiasi identità e qualsiasi diritto e portare avanti gli interessi del club di potenti che tutto manovrano dietro le quinte e che mai mostrano le loro facce (quelli o quelle che vedete in tv sono comparse, non attori e attrici protagonisti). Questa è l’europa. E poi ci dicono “l’europa chiede”, “l’europa dice”, l’europa vuole”. Mettetevelo bene in testa: l’europa è un’invenzione, una finzione, puro spettacolo per popoli creduloni. E’ come la fiaba di cappuccetto rosso, ma il lupo cattivo della fiaba “europa” è lo spread, è il mercato, è il debito pubblico truffa. Una fiaba, tutto inventato, nulla di vero, pura messa in scena.

Capite allora come ci trattano? Da deficienti ci trattano, da ritardati mentali, da boccaloni. E noi? Cornuti e mazziati, direbbero a Napoli. Perchè è proprio questo che siamo: cornuti e mazziati. “Se ci sei batti un colpo “, diceva il mio insegnante delle elementari al solito impreparato che non apriva bocca. Se ci sei batti un colpo popolo italiano. Hai capito che nessuno ti salverà? Hai capito che nessuno salverà il tuo negozio, la tua azienda, il tuo studio, il tuo laboratorio artigianale, il tuo posto di lavoro? Hai capito che nessuno difenderà la tua misera pensione, nessuno difenderà il tuo diritto alla salute e all’assistenza, nessuno difenderà il tuo patrimonio, la tua casa, il futuro dei tuoi figli? Sai invece cosa faranno? Ti punteranno l’indice contro accusandoti – lo stanno già facendo – di essere un evasore, un incapace, di non essere europeo (che poi che cavolo vuol dire? Noi siamo italiani, non apparteniamo a qualcosa che di fatto non esiste, a un’invenzione, a una finzione).

Scusa popolo italiano, ma si è fatto tardi, l’articolo non l’ho trovato, nemmeno il video e nemmeno ho voglia a quest’ora di comporre una vignetta.

Ho voglia di leggermi il mio paragrafo serale da “Lettere a Lucilio” dell’amico Seneca . Seneca, un amico che non tradisce: su Seneca e sugli stoici ci puoi contare. Sempre. Non erano stoici per caso.

Sugli italiani, invece, ci si può contare meno. Molto meno.

Ma non importa, va bene lo stesso. Viva il popolo italiano e le sue pie illusioni.

Elia Menta

Categories:   Società/Cultura

  • gianni b.

    Si dice anche :” ciucc ch ciucc s grattn tradotto ( tra asini si intendono). Gli italiani hanno solo le idee confuse da 50 anni di televisione. Molti sono disinteressati alla politica, mentre la materia del calcio, come hai ricordato, e’ pane quoptidiano di tutti, quindi non possiamo sperare che di colpo tutti possano svegliarsi da questo lungo letargo ci vuole tempo. Io sono convinto che, se gli ignari non fossero trascinati al voto e si fossero astenuti, perchè la politica per loro è aliena, avremmo ottenuto una prtecipazione agli impegni elettorali di qualità e avremmo risolto tanti problemi da parecchio tempo. A conferma di tutto c’è l’invenzione dei referundum abrogativi con il quorum che frena la gente riflessiva e capace.

  • Gene

    Questo scritto sintetizza la mia opinione sull’ Italia ed gli Italiani.
    Vivendo all’ estero da diversi anni ed avendo pure avuto la percezione di vedere un paese rassegnato, pauroso ed autodistrittutvo 20 anni fa (che mi ha convinto a lasciare il suolo Italico) non mi potevo immaginare il degrado raggiunto ad oggi. L’Italia necessita di una vera rivoluzione se vorra’ continuare ad esistere, questa rivoluzione deve partire come cambio di pensiero, come rivoluzione culturale e potra’ essere raggiunta solo con un dovuto atto di cambiamento che necessita anche un atto di forza.

  • Giovanna

    Ci sveglieremo quando ormai sarà troppo tardi.. Purtroppo il popolo italiano è così.. beota e addormentato salvo poi arrivare alle impicagioni a testa in giù.. Siamo il popolo delle contraddizioni, si sà..