iapra li  uecchie

Menu

La guerra sui vaccini

Quella delle vaccinazioni è una brutta storia. Da una parte abbiamo gli olimpici e lontanissimi centri decisionali sanitari pubblici e privati e dall’altra miliardi di persone umane che si affannano tra silenzi, disinformazione ed un giusto anelito verso una vita sana. Dal sito Mednat, riporto:

“Secondo l’Associazione Britannica per il Progresso della Scienza (British Association for the Advancement of Science) le malattie infettive diminuirono del 90% fra il 1850 ed il 1940, parallelamente al miglioramento delle pratiche sanitarie ed igieniche, ben prima che fossero introdotti i programmi di vaccinazione obbligatoria. A sottolineare questa conclusione è stato un recente rapporto dell’OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), il quale trovò che la malattia e i tassi di mortalità nei paesi del terzo mondo non hanno un legame diretto con le procedure di immunizzazione (vaccinazione) o il trattamento medico, ma sono strettamente collegate con gli standard igienici ed alimentari.”

Sembrerebbe davvero che non siano stati i vaccini a migliorare lo stato di salute generale ma la disponibilità di acqua corrente e potabile, l’elettricità sempre più diffusa, le migliori condizioni abitative ed urbanistiche, etc. … ancora dal sito Mednat:

Ecco la VERITA’ sulle statistiche comparate: Molti sono gli studi che documentano casi di paralisi (polio) dopo una vaccinazione, es. per la Difterite e/o per la Pertosse. Le carenze nutrizionali indotte dai danni dei vaccini – Malassorbimento = malnutrizione, producono un indebolimento (immunodepressione del Sistema immunitario) che ammalano il soggetto di malattie anche gravi!

In Italia:

Come potete osservare dalle statistiche comparate (Polio, Epatite, Difterite, Tetano – Statistiche Istat), prima dell’introduzione dei primi esperimenti con il vaccino Salk (anni 1956-57) e dell’obbligo vaccinale con il vaccino Sabin per la Polio (primi esperimenti vaccinali – di prova – nell’ anno 1963), vi erano mediamente al massimo 2.500 casi all’anno; dopo le campagne vaccinali per la Polio, e’ aumentata in modo notevole l’Epatite; dalle statistiche si evidenzia che la Polio e’ in discesa ma compare la Distrofiacon una media di 3.500 casi anno – lo sappiamo dalle varie associazioni italiane per la distrofia, perche’ Ministero + ISS + Istat, NON tengono statistiche per le malattie degenerative; Anche la Leucemia e’ “comparsa” con una media di circa 1.000 casi all’anno; la Sclerosi con una media di 1.000 casi all’anno, il Cancro nei ragazzi e’ aumentato moltissimo, la Sids (morte bianca nella culla) oltre 1.000 casi all’anno, l’Autismo e’ aumentato in modo spropositato, anche la Meningite e l’Adhd, l’Adem, cosi come le Allergie, Asma, Celiachia, l’Epilessia, il Diabete con decine di migliaia di casi all’anno ecc., ecc., ed ogni anno questi dati (giovani malati) aumentano! Tutto questo accrescimento avviene ogni generazione di vaccinati che a loro volta vaccinano i propri figli! Man mano che passano le generazioni di vaccinati il loro sistema immunitario si indebolisce sempre di più ed aumentano anche le mutazioni genetiche indotte dai vaccini, i bambini nasceranno anche con malformazioni (es. Down) e sempre con maggiore frequenza! Gli aborti spontanei aumenteranno sempre più e nuove malattie indotte dai vaccini si affacceranno negli umani e negli animali vaccinati! In Italia NON si tengono le statistiche sulle malattie degenerative in modo completo, per evitare di scoprire che i vaccini hanno indotto e creato quelle malattie … ecco cosa ci aspetta grazie alle multinazionali dei vaccini e farmaci, che perseguono la creazione ed il mantenimento del mercato dei malati per il loro business!

Si tratta di un quadro impressionante che non deve essere sottostimato. La cosiddetta obbligatorietà delle vaccinazioni rende il tutto molto più fosco ed oscuro. Qual è quindi la vera ragione della ‘guerra sui vaccini’? Al tutto possiamo aggiungere una nota sul contemporaneo: perché sono stati ritirati i vaccini antiinfluenzali dal mercato? Cosa vi hanno trovato dentro i validi ispettori dell’Istituto Superiore di Sanità? Temo che non lo sapremo mai, sui vaccini cade spesso una coltre di bizzarro silenzio.

Concludendo, la mia personale impressione è che sullo strumento vaccinale si sia incentrata una guerra senza quartiere e che, per comprenderla, occorra andare ben oltre le mere ragioni economiche. La vaccinazione a scala globale può influire potenzialmente sul futuro della nostra specie, alterando il disegno dell’evoluzione naturale. Il sospetto poi che le vaccinazioni possano essere state adulterate di proposito getta un’ulteriore ombra oscura sulla faccenda. Resta la sensazione angosciante di una mancanza totale di trasparenza delle grandi organizzazioni che dovrebbero contribuire al benessere mondiale. Il loro silenzio si accompagna alla sibillina azione di propaganda delle loro inutili pubblicazioni patinate, colme di statistiche, ancora tutte da verificare.

Categories:   Salute/Medicina

Tags:  ,

  • paolo

    Vaccinare non é obbligatorio; vogliono far credere che lo sia ma non lo é