iapra li  uecchie

Menu

Brum brum

Il motore è avviato. Ieri una settantina di attivisti 5 stelle provenienti da tutta la Puglia si sono incontrati a Taranto per inizare insieme il cammino per la costruzione del moVimento 5 stelle Puglia. Il motore è ancora in rodaggio e va sicuramente oliato, non saremo esenti da errori e diffficoltà, siamo umani in fondo, ma orami il motore è partito e fra non molto sarà a pieni giri.

A seguire il comunicato relativo all’incontro.

GLI ATTIVISTI DEL MOVIMENTO 5 STELLE ‘PUGLIA’ PER LA ‘DEMOCRAZIA LIQUIDA’

Il primo meeting regionale ha posto le basi per proporsi come soggetto politico dirompente, che fa della partecipazione e condivisione gli strumenti per combattere la casta delle oligarchie

Si è svolto puntualmente ieri mattina presso il Mar Grande Park Hotel di Taranto il programmato incontro regionale del Movimento 5 Stelle pugliese.

La riunione, durante la quale i partecipanti hanno condiviso la filosofia ‘Uno vale Uno’ (una persona un voto), è stata caratterizzata, sin dalle sue fasi preliminari, da una grande attività preparatoria: all’insegna di una vera partecipazione democratica, attraverso gli strumenti offerti dalla rete internet, sono stati votati e condivisi il luogo dell’incontro, gli argomenti da trattare, i tempi e le modalità di intervento e, ovviamente, le risultanze finali.

La strada tracciata va verso un vero coinvolgimento dei cittadini pugliesi. Superata la fase della sperimentazione, l’organizzazione che fa riferimento al suo fondatore, Beppe Grillo, si avvia concretamente, in Puglia, verso una nuova stagione, aprendo e rendendo accessibili i luoghi della politica alla partecipazione di tutti.

Dopo il successo registrato con ‘Zero privilegi’, l’iniziativa degli attivisti ‘5 Stelle’ pugliesi attraverso la quale sono state raccolte circa 20.000 firme (il miglior risultato in Italia) per chiedere l’abolizione dei privilegi dei consiglieri regionali pugliesi, il meeting tarantino ha segnato un altro passaggio importante per l’affermazione del Movimento.

I militanti, provenienti dalle sei province della Puglia, si sono dati convegno per discutere, nell’intera giornata di ieri, un ordine del giorno, votato in rete da attivisti e simpatizzanti, che si è caratterizzato per le questioni più strettamente legate alla organizzazione interna e al modus operandi degli attivisti, con un forte accento ai meccanismi della partecipazione, condivisione e ascolto dei cittadini, iniziative e manifestazioni pubbliche, proposte operative, formazione interna, gruppi di studio e strumenti per votare sugli argomenti che si pongono in discussione.

Durante l’incontro i collegamenti in videochiamata con il consigliere regionale del Piemonte, Davide Bono, e con il candidato del Movimento 5 Stelle alla Regione Sicilia, Giancarlo Cancelleri, e la diretta streaming (che ha consentito di intervenire da casa attraverso il web) hanno contribuito a dare una connotazione di grande apertura e trasparenza ai lavori del meeting e a gettare un occhio sulle realtà territoriali nelle quali il Movimento di Beppe Grillo si sta affermando con successo.

Il concetto di ‘Democrazia liquida’ e lo strumento del LiquidFeedback, già sperimentato dai ‘Pirati’ tedeschi e in alcune regioni del Nord, costituiranno la piattaforma alla quale ciascun iscritto potrà fare riferimento per avanzare proposte, intervenire nelle discussioni, arricchire il dibattito con documenti di approfondimento e votare (in modo palese), contribuendo direttamente al processo decisionale dell’intero al Movimento 5 Stelle pugliese. In parallelo chiunque potrà accedere al Meetup Regione Puglia (all’indirizzo internet http://www.meetup.com/meetuppuglia876/) uno spazio web nel quale, previa registrazione, tutti hanno libertà di espressione assumendosi, ovviamente, la responsabilità con il proprio nome e cognome e, possibilmente, mettendoci la faccia. All’interno si trovano aree tematiche che rappresenteranno una sorta di ‘Gruppi di Lavoro’ regionale e costituiscono una specie di portale informativo a disposizione di tutti.

Il progetto politico del Movimento 5 Stelle della Puglia, nell’incontro di Taranto ha trovato molti spunti positivi che hanno cementificato il già forte gruppo di attivisti, pronti a dare battaglia su tutti i fronti alla vecchia concezione oligarchica di fare politica, perpetuata dagli obsoleti partiti, e alla inerzia delle Istituzioni da essi negativamente condizionate. PDL, PD, Unione di Centro e la miriade di formazioni politiche finanziate con i soldi dei contribuenti e contro il loro volere, si sono dimostrati ampiamente incapaci di dare una risposta seria alle gravi problematiche sul tappeto (economiche, ambientali, del lavoro), creando un sistema di veti incrociati e di accordi trasversali che invece di risolverli alimentano i problemi finendo per identificarsi con essi, costituendo una vera e propria casta delle oligarchie.

Gli strumenti della condivisione e della partecipazione democratica del Movimento 5 Stelle ambiscono a fornire risposte e soluzioni facendo affidamento all’intelligenza, alla competenza e alle proposte di ciascuna donna e ciascun uomo. La Puglia e il Paese ne beneficeranno.

Brum Brum e il pulcino ho ho…

Categories:   5 stelle, Politica