iapra li  uecchie

Menu

ZPP è moVimento

Zero Privilegi è una iniziativa portata avanti dagli attivisti del moVimento 5 stelle in numerose regioni Italiane; Lombardia per prima, ma anche in Sicilia, Basilicata, Toscana, Venento, Marche, Sardegna, Molise e Lazio. In nessuno di questi casi si sono raccolte, almeno sino ad ora, tante firme quante ne sono state raccolte in Puglia. Sarà stato l’esoso numero di sottoscrizioni richieste dalla regione per poter presentare la proposta (15 mila) che ci ha spronato ad un sforzo maggiore, ma essere riusciti a raggiungere questo risultato in una regione ove i vari gruppi territoriali non avevano mai fatto nulla tutti insieme è un fatto davvero eccezzionale di cui tutti i partecipanti a questa iniziativa devono essere fieri.

Il risultato è ancora più importante se si pensa che è stato raggiunto nel totale silenzio dei mezzi di informazione. Nelle altre regioni, infatti, tanto la carta stampata quanto le tv locali compreso il Tg regionale della RAi, hanno dedicato spazio a questa iniziativa. In Puglia, invece, il Tg3 ha taciuto come hanno taciuto i vari canali Telenorba che eppure ha un canale, TgNorba 24, dove non si contano i telegiornali dedicati alle notizie locali e, naturalmente, hanno taciuto i giornali. La gazzetta del mezzogiorno, foraggiato da ingenti denari pubblici, che sul tema dei costi della politica ha sul sito web una pagina dedicata ha ritenuto di parlare di Zero Privilegi Puglia solo dopo che questa aveva già raggiunto le necessarie 15 mila firme e contornandola di articoli in cui si sono dipinti gli attivisti 5 stelle come divisi ed impegnati solo in faide interne. Dei nostri comunicati stampa non i rivela alcuna traccia su quei giornali sempre pronti a riportare ogni pipito di politicanti da strapazzo e solo alcune piccole tv locali hanno svolto servizi e trasmissioni per parlare di questa proposta di legge che, vale la pena ricordarlo, garantirebbe risparmi per 10 milioni di euro all’anno, cifra ragguardevole persino in tempi di vacche grasse figurarsi ora quandoo si stanno salassando gli Italiani con tasse e tagli portati avanti col macete.

E che dire di chi ha cercato di boicottare questa iniziativa, di quelli che ci hanno moss0 accuse senza capo ne coda solo per screditarci? Quelli che hanno cercato di prendere possesso di questa iniziativa, di fare in modo che la gestione fosse riservata ad un numero ristretto di persone con potere decisionale per poi, una volta contrastati su questa assurda ipotesi in netto contrasto con gli obbiettivi del moVimento 5 stelle, lasciare la “lodevole” inziativa per contrastarla arrivando persino a dire che si trattava di un bluff. Ci hanno accusato di aver creato un comitato non in linea con i principi del moVimento 5 stelle, di aver creato una iniziativa che sarebbe stata l’ennesima vetrina e passerella per i politici, hanno detto che i promotori non erano tutti iscritti al moVimento 5 stelle. Uno, che mi limito a definire imbecille, ha dichiarato “Noi siamo M5S, quel comitato non nasce dal M5S”, come a dire il movimento qui siamo solo noi e ciò che non nasce da noi non è 5 stelle. Arroganza e presunzione all’ennesima potenza oltre ad un alta dose di ignoranza  visto che il Movimento non è proprietà di nessuno ma semmai uno strumento a disposizione di tutti i cittadini. Beh dove sono questi politici che hanno usato ZPP come vetrina e passarella, cosa di quanto fatto in questi mesi non è stato in linea con i principi e col programma del moVimento 5 stelle?

Nonostante il silenzio di pennivendoli e mezzibusti incartapecoriti e i tentativi di boicottaggio da parte di questi saccenti attivisti 5 stelle siamo riusciti ad unire centinaia di attivisti 5 stelle di tutta Puglia. Dal Gargano al Salento, con la tramontana invernale che ti gela le ossa e con lo scirocco estivo che ti ribolle le budella, sono scesi per le strade con una proposta, non con slogan, ma con una proposta. Hanno parlato e si sono confrontati con decine di migliaia di cittadini e Giovedì 12 Luglio saranno a Bari a portare le oltre 17 mila firme raccolte. Sono la voce dei cittadini che grazie all’impegno di questi attivisti (non certo di quelli che da dietro un pc hanno solo mosso critiche ed accuse infondate) potranno entrare nel “palazzo”, area da sempre preclusa ai comuni cittadini. Perchè questo è il compito degli attivisti del moVimento 5 stelle: portare la voce dei cittadini, la loro volontà nelle istituzioni. E se il moVimento 5 stelle, come sostiene il suo fondatore, è uno strumento per far entrare i cittadini nelle istituzioni allora Zero Privilegi Puglia, avendo fatto proprio questo, è moVimento. non possiamo ancora chiamarlo ufficialmente moVimento 5 stelle, perchè per fare questo ci vuole un’apposita certificazione, ma di sicuro è moVimento.

Categories:   5 stelle, Politica