Seguimi su facebook twitter Google + youtube picasa foursquare RSS
giu
16

Il marketing delle malattie

Di · Commenti (8) Stampa Stampa · Vota

Le case farmaceutiche sono ormai talmente schiave del denaro che il loro obiettivo non è più curare le persone ma rendere le persone malate per poterle poi curare.

Ultimamente si producono sempre più spesso farmaci, test diagnostici o apparecchiature mediche. Alcuni di questi hanno un gran valore terapeutico, molti sono solo delle copie di farmaci già esistenti o nuove fantasiose sperimentazione per malattie immaginarie. In commercio vi sono oltre 12000 specialità farmaceutiche, ma non esiste un numero sufficiente di malattie per giustificare l’esistenza di tanti medicinali. La maggior parte di essi, probabilmente, servono a combattere gli effetti di altri farmaci.

In questi ultimi anni stiamo assistendo sempre di più alla diffusione da parte dei mass media di messaggi di paura che, quando vengono adeguatamente analizzati, si rivelano non solo ingiustificati, ma addirittura appositamente creati e gonfiati secondo un piano prestabilito. Oggi la gente è seriamente terrorizzata: le malattie o semplicemente i piccoli disturbi, sono diventati preoccupazioni all’ordine del giorno. I media bombardano giornalmente i poveri uomini di questa terra con notizie allarmanti di pandemie, epidemie, contaminazioni, facendogli credere che potrebbero essere affetti da chissà quale malattia mortale.

Non è cambiata la salute della gente, ma il modo in cui viene percepita.

Al giorno d’oggi i disturbi fisici e mentali sono aumentati, il che non è dovuto ad un cambiamento della gente, o ad un aumento dei pericoli, è solo una questione di paura, fomentata attraverso i mezzi d’informazione. Ora anche la più semplice influenza diventa rischiosa. Ed eccoci così pronti ad acquistare vaccini che ci rassicurano. Ma ci siamo chiesti il motivo di quest’aumento delle patologie? Perché oggi un bambino molto vivace è definito come affetto da sindrome da deficit di attenzione? O la timidezza è diventata un disturbo sociale ansiogeno? Perché semplici modi di essere sono diventati rischiosi? Forse dietro tutto questo c’è qualcuno che dice di lavorare per il bene comune, ma la realtà è che lavora per il proprio bene.

Le case farmaceutiche sono le sole responsabili, affiancate e sostenute ovviamente da governi, che deliberatamente pensano a gonfiare le proprie tasche, infischiandosene della povera gente che si fida di loro. È solo una questione di soldi e interessi, nient’altro.L’uomo di oggi dorme un sonno profondo.L’uomo di oggi dovrebbe cominciare a rendersene conto, dovrebbe svegliarsi, aprire gli occhi, pensare e capire che ciò che viviamo, molto spesso, è un condizionamento dei media a favore delle case farmaceutiche.

Non siamo nemmeno più liberi di essere in salute e non siamo nemmeno liberi di essere malati. Attraverso la ragione e il buon senso potremmo vivere una vita tranquilla, lontana e indisturbata da paure inesistenti.

Categorie : Salute/Medicina
  • http://mozillafirefox benedetta

    Ho un figlio che da 11 anni soffre di epilessia, ma con i farmaci non è mai guarito, anzi è peggiorato. Forse era meglio se non li prendeva affatto, perchè mi sembra che con le medicine non faccia altro che peggiorare la situazione. Ma possibile che con tutti i soldi che raccolgono con telethon non riescano a trovare una soluzione a questo e ad altri problemi? Cosa fanno i ricercatori, trovano solo il modo di far arricchire le case farmaceutiche? In Italia abbiamo un malato ogni 100 persone di questa malattia. quindi dovrebbero darsi da fare, come sono riusciti a guarire di AIDS, che sembrava la peste del 2000, perchè non riescono a far qualcosa anche per l’epilessia, dato che è molto diffusa?

  • http://mozillafirefox benedetta

    Come nasce un bambino, viene riempito di vaccini di tutti i tipi, a cominciare dal 3° mese e fino ai 14 anni. In America questi vaccini non si fanno piu’ da 50 anni, ma qui sono obbligatori. Servono soltanto, secondo me, ad arricchiere le case farmaceutiche, perchè a volte fanno molto molto male. Ho visto bambini, che dopo un vaccino è diventato cerebroleso. Ma era nato sano, come mai? Non sarebbe meglio far decidere ai genitori se fare o non fare questi dannati vaccini? Io il vaccino antinfluenzale non l’ho mai fatto e non mi sono mai presa l’influenza, vuol dire che il vaccino non serve o al massimo l’influenza te la fa venire.

  • Luca Vassallo

    Salve a tutti. Porto un esempio concreto. Sono malato di Diabete Mellito tipo I (insulinodipendente) e porto, x curarmi, un microinfusore. Tale aggeggio è costato alla mia Asl intorno ai 12.000 euro. Poi aggiungete le striscette x il controllo della glicemia, l’apparecchio x il monitoraggio della glicemia, gli aghi pungidito, i set x infusione, le siringhe(per chi le usa ancora, le penne )etc etc. Ho questa patologia da 24 anni ed ho capito che devo solamente limitare i danni. all’insorgere della malattia mi fu promesso che dopo 10 anni sarebbe uscita una cura. ne sono passati 24 e ancora niente..nel frattempo la mia salute peggiora, e le case farmaceutiche s’ingrossano. vi è una ripercussione in termini economici sui costi sanitari dei governi. un diabetico costa tantissimo all’anno: esami ai reni, agli occhi, al cuore, ai piedi, e tanti e tanti altri esami che non vi racconto. Vi cito la risposta di un presidente di un’associazione diabetici. “se tu fossi il proprietario di una casa farmaceutica e vedi che col diabete guadagni miliardi di euro…lo elimineresti??” credo vi sia l’appoggio, spero non “consapevole” di tanti professionisti del settore. bene, io trovo abberrante che si speculi sulla salute delle persone, e vi lascio un altro spunto di riflessione…le patologie neoplastiche, comunemente definite tumori! Riuscite ad immaginare il Business? il futuro della medicina sono le staminali, ma le applicazioni e la sperimentazione sugli umani viene sempre procastinata di decenni in decenni…ma da chi? e perchè? cominciamo a svegliarci! ci prendono in giro! farabutti! e tutto x i soldi! il vile Dio denaro! grazie x l’attenzione. Come intende affrontare il movimento 5 stelle questo nodo “mondiale”? Saluti LV

  • klang

    se pensate che la ” cellulite ” adesso è pure una malattia,
    risulta chiaro che le patologie se le inventano e qualcuno li autorizza a farlo !!!

    a parte ciò siamo destinati a comprare sempre + medicinali ” a nostra insaputa “, causata dalla nostra non conoscenza della materia a anche dalla nostra presunzione.

    i medicinali di classe A, il cui costo va a sommarsi al deficit nazionale costano sempre meno, così lo Stato paga di meno perchè li compriamo senza passare dal medico per la ricetta rossa, quindi noi paghiamo di più ( chi volete che vada da un medico per un medicinale che costa 5,60 euro se poi il ticket è 2 o 4 euro ?

    quelli di classe C già li paghiamo cari, perchè non veniamo tutelati più di tanto da chi ha il potere di fare i prezzi, e non sono i farmacisti a farli

    quelli senza ricetta costano sempre tanto per diversi motivi ( ditte, grossisti, farmacie e parafarmacie con piccoli magazzini ), si potrebbe risparmiare tanto e di più, anche senza bisogno delle parafarmacie, che oltre tutto hanno bisogno di vendere e ambiscono a diventare farmacie private non convenzionate con il SSN.

    alla fine pagheremo di + perchè a ditte, Stato, farmacisti e parafarmacisti vogliono questo.

    vedrete fra 15 anni che ” sola ” sarà stata questa riforma del sistema.

  • http://www.genomamiata.org Mario Apicella

    non dimentichiamo che la salute è frutto di una buona alimentazione
    e che l’industria farmaceutica vende tonnellate di pesticidi con cui vengono squilibrati ed avvelenati gli stessi alimenti per l’infanzia

    il motto di queste SpA è davvero “avvelena per curare”
    il Ministero della Sanità rilascia contemporaneamente autorizzazioni sia per gli insetticidi cancerogeni che per chemioterapici tossici
    Il sistema è molto semplice e si basa sul teorema di Poggiolini:
    “per tutti cibo spazzatura e per ognuno una cura”

    Tutti a Casa
    corruttori e corrotti
    rettori e venditori di cerotti

    una risata li seppellirà

  • Sabbatin Mustio

    Tanti morti

  • Paolo

    finalmente qualcuno ne parla!

  • Entità sempre vigile

    Che novità.. se invece di pensare alle ca…..te, come continuano a fare oggi gli italiani, con calcio, gossip, l’auto nuova che fa glamour, sigaretta a punta e cocktail, cam to cam e sesso virtuale per cerebrolesi.. se invece di fare tutte queste cose avessero ascoltato nel 98 Grillo quando parlava di queste cose, e faceva il nome anche della Bayer, la gente sarebbe + preparata, invece continuano a morire da stronzi senza usare il cervello e l’intelligenza della quale sono carenti in una maniera disarmante…

    Ora è troppo tardi, anche la lingua e la rivoluzionaria missione di Grillo sono state comprate e ammutolite su questioni serie a carattere di pericolo mondiale.. Ma ad ogni modo la gente continua la loro vita vegetativa inutile e priva di significato…