iapra li  uecchie

Menu

Se fossimo… ma siamo

Se fossimo in una delle tante regioni d’Italia, Zero Privilegi Puglia la legge di iniziativa popolare che con il dimezzamento degli stipendi dei consiglieri regionali, l’abolizione della liquidazione di fine mandato e l’abolizione del vitalizio garantirebbe risparmi per circa 10 milioni di euro all’anno potrebbe essere già assegnata alla competente commissione consiliare ed iniziare il suo iter all’interno del consiglio regionale.

Se fossimo in una delle tante regioni d’Italia dove il numero di firme necessarie ai fini della presentazione di una legge popolare è di 5 mila, le 7 mila firme a sostegno di Zero privilegi Puglia raccolte in poco più di un mese sarebbero già sufficienti anche se continueremmo lo stesso per dare voce a le altre migliaia di cittadini che hanno voglia di urlare la loro indignazione.

Se fossimo…. ma siamo in Puglia, nella Puglia migliore come ci ricordano i cartelli pollicitari dello smemorato di Terlizzi. Siamo in Puglia dove la parola partecipazione è utile solo ed esclusivamente a riempire manifesti ed interviste fedelmente riportate dagli organi di disinformazione di massa in cui albergano ormai solo pennivendoli capaci di offrirsi al miglior offerente oltre che al potente di turno. E allora ecco che le 7 mila firme che basterebbero in tutte le regioni d’Italia comprese quelle con popolazione doppia rispetto a quella pugliese, qui non sono sufficienti a far si che il secondo presidente di regione più pagato d’italia sia costretto dalla volontà popolare a metterla in discussione e quindi al voto.

Ma se ne abbiamo raccolte 7 mila in poco più di un mese, nei prossimi tre mesi che ci rimangono ne raccoglieremo almeno altre 10 mila sfondando abbondantemente l’esossa richiesta della Puglia migliore. Loro non si arrenderanno mai noi neppure.

Ad Ostuni vi aspetto la Domenica di Pasqua dalle 16 alle 21 a Villanova mentre il luned’ di Pasquetta mi trovate in Piazza della Libertà dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21. Ricordatevi di portare con voi un documento di identità valido e avvisate parenti, amici e compari.

Categories:   Politica