iapra li  uecchie

Menu

Semplicemente ridicoli

Vedere Michele Emiliano, sindaco di Bari, e Nichi Vendola Presidente della Puglia ad un incontro pubblico in cui si parla di partecipazione ha semplicemente del ridicolo, per non dire che sa tanto di presa per il culo.

Vendola governa la regione Puglia da ormai sette anni, la legge sulla partecipazione è datata 1973 sono previsti persino dei rimborsi spese per gli autenticatori visto che ai tempi gli unici a poterlo fare erano i notai dietro compenso (il comitato ZPP in linea coi suoi principi ha naturalmente rifiutato questi rimborsi). Per presentare una proposta di legge popolare sono richieste 15 mila firme il triplo di quanto richiedono regioni col doppio della popolazione pugliese, la certificazione dell’iscrizione alle liste elettorali dei sottoscrittori di una proposta popolare che costituisce un immenso lavoro burocratico sia per i proponenti sia per i vari comuni interessati è ancora prevista mentre in molte regioni è stata abolita da tempo.

In questi sette anni nessuno, tra quella folla di consiglieri regionali, assessori o presidente dal costo di oltre 30 milioni di euro all’anno si è minimamente degnato di formulare una benché minima proposta di modifica di quella legge del 1973. In compenso lo smemorato di Terlizzi si precipita a fare la sua solita passerella mediatica ad un dibattito in cui si parla di partecipazione. I soliti pennivendoli e mezzibusti incartapecoriti, gli stessi che sino ad ora si sono astenuti dal proferire parola e notizia su una proposta di legge popolare che garantirebbe risparmi per 10 milioni di euro all’anno, gli sono corsi dietro in cerca della solita dichiarazione pollicitaria da dare in pasto al popolo bue.

A Bari se vuoi organizzare un banchetto per raccogliere le firme a sostegno di una proposta di legge popolare devi erogare al comune un contributo di quasi 30 euro in due marche da bollo da affrancare sulle solite carte ancora indispensabili per poter rapportarsi con la pubblica amministrazione. Qualcuno dirà: e che vuoi che siano 30 euro? Il costo di due buone spigole e qualche cozza pelosa risponderebbe qualche malizioso. A tutto ciò si aggiunga anche il fatto che, sempre a Bari, è stata negata la possibilità di organizzare banchetti firme non concendendo il permesso ad occupare il suolo pubblico senza darne alcuna giustificazione.

Caro Emiliano e caro Vendola continuate pure a fare le vostre belle passerelle mediatiche per mettervi in mostra grazie ad un sistema di informazione che come voi fa di tutto tranne che il proprio lavoro, continuate pure a riempirvi la bocca con parole quale partecipazione e popolo sovrano, il vostro tempo è ormai alle sue battute finali la gente la si può prendere per il culo per molto tempo ma non all’infinito.

Categories:   Politica