iapra li  uecchie

Menu

Marketing sanitario

Si moltiplicano le giornate dedicate a una patologia: sono 60 a livello nazionale. Osteoporosi, menopausa e timidezza: un tempo non erano considerate disfunzioni, ora sì. E sale il costo per sanità pubblica e famiglie: 4 miliardi all’anno. Ecco come le major del medicinale riescono a venderci farmaci inutili.

Non ce n’è nemmeno uno. Sul calendario non sono rimasti più mesi, settimane o giorni liberi da malattie. Da prevenire, scoprire prima possibile, sconfiggere, studiare o raccontare a chi sta bene. Cancro, alzheimer, sclerosi multipla, aids sono protagoniste ogni anno di giornate mondiali o italiane, regionali o cittadine. Ma anche la menopausa, l’osteoporosi, l’incontinenza e addirittura la stipsi hanno i loro periodi dedicati, con appuntamenti nelle piazze, davanti ai supermercati, negli ambulatori. Sotto gazebo montati in centro si misurano glicemia e pressione, si fanno valutazioni odontoiatriche e audiometriche ai passanti. C’è un palcoscenico per ogni problema, che sia infettivo e raro come la meningite oppure diffusissimo come l’ipertensione. Molti forse non sanno che in Italia si celebra anche il mese della prevenzione degli attacchi di panico.

Quanti sono gli appuntamenti dedicati alle malattie? Quelli nazionali almeno 60 l’anno, poi ci sono le manifestazioni locali e il numero sale a 300. In molti, tra medici, farmacologi e responsabili di associazioni di malati, sono convinti che sia troppo alto. Spesso l’invito agli screening e il messaggio che molti non sanno di avere una certa patologia, oltre ad avere effetti positivi, creano ansie e timori. E fanno consumare sempre più sanità: esami, visite e medicinali. È ciò che vuole l’industria farmaceutica, che in Italia fattura oltre 25 miliardi di euro all’anno. Lavora per far guarire da problemi seri ma anche per allargare il mercato, un po’ come si fa con i detersivi. Le giornate del malato, normalmente importanti, possono essere un efficace strumento di marketing, e diventare una delle linee di produzione della fabbrica delle malattie.

Quali sono i meccanismi utilizzati per riempire di medicine i nostri armadietti del bagno? Il punto di partenza è la ormai nota frase pronunciata oltre trent’anni fa dal pensionando direttore Merck, Henry Gadsen: “Sognamo di produrre farmaci per le persone sane”. Da allora la fabbrica ha scoperto tanti medicinali importanti ma ha anche prodotto nuove patologie e nuovi malati. Eventi naturali della vita come l’invecchiamento e il parto o stati d’animo come la timidezza, oggi, nella grande corsa al benessere assoluto, sono considerati problemi di salute. Così nessuno di noi si sente sano fino in fondo. Probabilmente Gadsen ne sarebbe soddisfatto, ma la fabbrica delle malattie non si accontenta mai. Si muove anche per far crescere il numero di persone a rischio. “Basta abbassare il limite della pressione, della glicemia o del colesterolo considerati pericolosi”, spiega Roberto Satolli, medico e giornalista dell’agenzia Zadig, che realizza il sito www. partecipasalute. it. “Negli anni Sessanta si era ipertesi con 160-90, negli anni Ottanta e Novanta con 140-90 e adesso con 120-80. Si sposta un po’ la soglia e milioni di persone vengono inserite tra coloro che devono prendere dei farmaci”. Il colesterolo un tempo era considerato alto dai 240 in su, adesso anche ben al di sotto dei 200.

Categories:   Salute/Medicina

Tags:  ,