iapra li  uecchie

Menu

Se il buongiorno si vede dal mattino

L’annuncio di una settimana fa di De Magistris “in cinque giorni ripuliremo Napoli” mi lasciò basito. E chi si crederà mai di essere questo, un mago o un personaggio dai superpoteri come quelli che si vedono nei film di animazione? Da quanti anni Napoli versa in quelle condizioni? Può esistere da una qualsiasi parte del pianeta una persona capace di risolvere il problema in cinque giorni? I Napoletani lo sanno benissimo, tanto che non attribuiscono alcuna responsabilità al neosindaco ma, giustamente, si irritano non poco quando si esce con certe affermazioni degne del signor “ghe pensi mi” nelle sue migliori performance.

A leggere le dichiarazioni del Coordinamento Regionale Rifiuti Campania, qui sotto riportato, il senso di sbalordimento lascia il posto allo sconforto e alla seria preoccupazione.

In queste ore di drammatica crisi rifiuti per Napoli e provincia, acutizzata da una sentenza del Tar Lazio che vieta il trasferimento dei rifiuti napoletani fuori regione, si attendevano le prime scelte della neo-amministrazione comunale, che da tempo sbandierava soluzioni radicalmente innovative, orientate al riciclo dei materiali, ambientalmente compatibili e vicine alle istanze dei cittadini, mostrando così l’intenzione di porre una volta per tutte fine alla decennale emergenza rifiuti.
Purtroppo però, dopo i proclami populistici della campagna elettorale, che promettevano in sei mesi il raggiungimento del  70% di raccolta differenziata e nessun impianto di incenerimento per Napoli-Est, il neo assessore all’ambiente Tommaso Sodano ha svelato le reali intenzioni dell’amministrazione affermando candidamente che “Acerra c’è e va fatta funzionare” e che l’unico compito del Comune di Napoli è “occuparsi dall’igiene urbana e della raccolta rifiuti ma tutta la parte degli impianti resta di competenza della Provincia e della Regione”.
Come a dire, che quanto sbandierato in campagna elettorale su impianti di compostaggio e TMM era pura propaganda elettorale.

Ma vi è di più. Secondo il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, che ha firmato, in accordo con il comune di Napoli, l’ordinanza di individuazione ad Acerra, Caivano e Napoli-Est di tre siti di trasferenza in cui portare i rifiuti (la cosiddetta “soluzione finale” per ripulire Napoli in 5 giorni) sarebbe stato lo stesso Sodano ad indicare personalmente le aree da utilizzare: “polmoni”, a suo dire, per consentire a Napoli di respirare, mini-discariche nei fatti, nelle quali accumulare le oltre 10.000 tonnellate di rifiuti provenienti da tutto il napoletano. Del resto, era chiara l’intenzione del Comune di Napoli  di contribuire alla individuazione dei siti già nella delibera di Giunta n. 739/2011 dove si legge che l’Amministrazione “si impegna ad individuare siti di trasferenza anche sovra comunali”.
Ancora una volta la grande metropoli si serve dunque delle aree rurali interne per risolvere le proprie incapacità gestionali. Come nel passato, si sferra nuovamente un colpo basso ai cittadini di Acerra, terra in pieno “triangolo della morte”, ben nota allo stesso Sodano per la devastazione ambientale causata da decennali sversamenti illegali di rifiuti tossici, e su cui oggi insistono il mega-inceneritore e due tra impianti biomasse e di depurazione, eredità della ex-Montefibre. Tutto ciò nonostante la prima sezione del Tar Lazio abbia accolto il ricorso proposto dal Comune di Acerra contro la proroga dello stoccaggio dei rifiuti sulla piazzola numero 7 del sito in località Pantano, vietando di fatto qualsiasi conferimento.
E se da un lato si fa finta di proteggere l’area industriale di Napoli-Est, dove da anni si aspettano le bonifiche, dall’altro si manovra  per portare lì altre devastazioni.

Senza contare, poi, la riconferma nel nuovo consiglio di amministrazione di Asìa per questioni di “conoscenza della struttura aziendale” dell’inceneritorista Daniele Fortini. Colui che ha condotto al fallimento la raccolta differenziata in città, nonostante l’azienda disponesse di 179 milioni di euro per il contratto di servizio. Quegli stessi soldi con cui oggi, senza ulteriori previsioni di spesa, la nuova amministrazione vorrebbe almeno raddoppiare la copertura della RD in città.

In questo clima di tensione, De Magistris e Sodano annunciano un viaggio a Bruxelles, poi rimandato all’ultimo momento, mentre è in realtà chiaro a tutti che i fondi UE non verranno sbloccati fino a quando non vi saranno evidenti iniziative e tangibili risultati sulla città di Napoli, tesi finalmente ad estendere a tutta la città la raccolta differenziata e ad evitare lo sversamento in discarica di rifiuto  tritovagliato non stabilizzato.

C’è infine l’ultimo aspetto, il più importante, che riguarda la tanto sbandierata questione della partecipazione.
Ad avviso del CO.RE.ri. (Coordinamento Regionale rifiuti – Campania) non è possibile partecipare ad alcun tavolo di confronto, finché questi saranno convocati, come avvenuto per la prima delibera di giunta sui rifiuti, a decisioni già prese, unicamente per ottenere a posteriori l’appoggio della società civile su scelte unilaterali, disarmanti e incondivisibili.
È inaccettabile che per le convocazioni si ricorra al passaparola, agli sms o addirittura a facebook, senza che vi sia la strutturazione di organismi di partecipazione che consentano il riconoscimento formale della cittadinanza attiva nell’assunzione delle decisioni più che nella loro successiva approvazione. Per tale motivo il Coordinamento Regionale rifiuti non prenderà parte ad alcun incontro che sia formalizzato nelle suddette modalità.
Come CO.RE.ri. ribadiamo che nessun sostanziale cambiamento, sul tema della partecipazione, potrà avverarsi nella città di Napoli se i cittadini non saranno messi realmente nelle condizioni di partecipare ai processi decisionali che toccano nel vivo i loro diritti. Auspichiamo che al più presto si possa discutere in assemblea pubblica con contraddittorio del piano complessivo di gestione dei rifiuti e non di singole delibere.
Al momento i primi atti prodotti dalla nuova amministrazione non lasciano certo ben sperare.

Coordinamento Regionale rifiuti – Campania – Napoli, 21/06/2011

Categories:   Ecologia/Ambiente, Politica

  • Paolo Mariani

    Mi sembra di aver solo criticato la dichiarazione “in cinque giorni ripuliremo Napoli” stupidamente azzardata da De Magistris. Il resto è un comunicato di un coordinamento di associazioni di cui prendo con preoccupazione atto. Credo che loro, da anni impegnati su questo fronte, conoscano la situazione meglio di me e di te e le critiche avanzate riguardano l’operato attuale del neosindaco senza attribuirgli responsabilità che non gli appartengono.
    Il tuo commento dimostra per l’ennesima volta quanto il tuo vedere le cose sia filtrato sempre dalla bandiera di partito che ti impedisce di essere obbiettivo. E se passiamo alla Puglia non potrai certo negare che PRC sia col governo Vendola da 7 anni: dove sono i centri di compostaggio? dove i centri riciclo? La differenziata sta al 18% peggio che in campania e gli inceneritori si diffondono in tutto il territorio. Stando in giunta e sostenendo questa maggioranza di fatto leggitimate ed approvate tutto ciò a discapito della salute e del bilancio economico regionale. Ma l’importante è sempre difendere le scelte del partito.

  • Nicola

    Paolo, invece di stare a criticare pure quel buono che è uscito dalle elezioni, apri gli occhi x davvero, De Magistris non ha alcuna autorità al di fuori del territorio di competenza, a Napoli Est non verrà fatto niente, e visto che provincia, regione e governo nazionale sono di destra, non faranno altro che boicottarlo e mettergli i bastoni tra le ruote, impedendogli di fatto di governare seriamente x risolvere l’emergenza rifiuti.. X fare un centro di compostaggio e un centro x la raccolta differenziata servono 4-5 anni, nel frattempo, col boicottaggio, la destra farà annegare napoli nei rifiuti, De Magistris ha le mani legate.. E come criticare un palo storto x il fatto che è storto, e non invece chi l’ha costruito volutamente in quel modo.. APRI GLI OCCHI PAOLO!!!