Seguimi su facebook twitter Google + youtube picasa foursquare RSS
giu
23

Guarda le stelle: spiagge

Di · Commenti (2) Stampa Stampa · Vota

Come detto in un post di qualche giorno fa, secondo la regione Puglia ed il comune di Ostuni la stagione balneare ha inizio il primo di Maggio. Pertanto oggi 23 Giugno non possiamo che considerarci a stagione inoltrata. E secondo voi a stagione balneare inoltrata in una rinomata località turistica il cui palazzo comunale è completamente tappezzato coi vessilli della Fee (bandiera blu) e del braccio fintoambientalista del PD (legambiente – 5 vele) in che condizioni si dovrebbero trovare le spiagge?

L’altro giorno ero a Torre Pozzelle, ieri al Pilone e la situazione riscontrata è sicuramente in contrasto con qualsiasi risposta abbiate dato alla domanda che vi ho appena posto. A Torre Pozzelle, luogo fantastico sicuramente tra i più belli dell’intera costa pugliese, lo spettacolo è a dir poco indecente. Molte spiagge sono completamente inaccessibili, masse di rifiuti e detriti portati dal mare ricoprono interamente gli arenili tanto che mi è risultato impossibile scorgere la sabbia. Girando un pò è comunque possibile trovare qualche spiaggia utilizzabile ma, a parte quella di fronte al campeggio probabilmente ripulita dai proprietari dello stesso, sarete costretti a condividere l’arenile con numerosi cumuli di rifiuti accatastati qua e la probabilmente da qualcuno che ha cercato di aprirsi un varco verso il bagnoasciuga. Mi rendo conto che in tale scenario cercare cestini portarifiuti e toilette sia a dir poco fuori luogo.

Al Pilone la situazione è decisamente migliore, i vari rifiuti e detriti che immancabilmente il mare ci regala durante l’inverno sono stati completamente rimossi, ma io ci sono arrivato alle otto del mattino, prima di me solo due sparuti gruppetti, e non ho potuto notare le numerose bottiglie di plastica e cartacce varie disseminate un pò dappertutto (ma non paghiamo per la pulizia quotidiana di tutti gli arenili?). Osservando tra la macchia mediterranea e le splendide quanto pubblicizzate dune costiere lo spettacolo non risulta molto differente. Anche qui naturalmente la presenza di cestini e servizi igienici risulta essere esclusivamente una vana speranza.

Il turismo a detta di tutti è il principale motore economico di questo territorio e in questo contesto le spiagge sono sicuramente la principale risorsa. Osservare il modo in cui vengono gestite è emblematico di una classe politica incapace ed inetta che utilizza bandiere e vele, profumatamente pagate, per mascherare le proprie vergogne.

Spiagge a 5 stelle

  • Spiagge pulite tutto l’anno. Organizzare tramite apposito servizio la pulizia di tutti gli arenili e relative strade di accesso con cadenza bimensile nel periodo autunno-inverno, bisettimanale nel periodo primaverile (comunque le spiagge devono risultare pulite durante i periodi delle festività ed eventuali ponti), quotidiana durante la stagione estiva.
  • Posizionamento su tutte le spiagge di un congruo numero di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti.
  • Installazione su tutta la costa e per il periodo estivo di un adeguato numero di bagni chimici stipulando allo scopo apposito contratto di noleggio che preveda anche la manutenzione e la periodica pulizia degli stessi.
  • Istituzione di un servizio di assistenza ai bagnanti che preveda sia postazioni fisse sia mobili in modo che tale servizio risulti erogabile sull’intero tratto di costa. Gli addetti oltre a fornire assistenza e informazioni ai bagnanti dovranno essere in grado di prestare soccorso sia in mare sia sull’arenile oltre a segnalare agli appositi servizi eventuali problematiche (ad. es. contenitori rifiuti pieni, spiagge sporche, fonti di pericolo, etc). Le spiagge in cui insisteranno le postazioni fisse dovranno essere attrezzate in modo tale da risultare accessibili ai disabili e fornite delle apposite carrozzine che consentano agli stessi l’accesso in mare.
  • Trasformazione di Torre Pozzelle in area naturale protetta attrezzata con area picnic e spazio giochi per bambini, oltre a idoneo parcheggio al fine di impedire il transito di vetture nelle stradine di accesso agli arenili.
  • Demolizione dell’ecomostro di Villanova e valorizzazione della spiaggia denominata bagno dei cavalli.
  • Garantire nella zona costiera durante la stagione estiva una maggiore presenza della polizia municipale.

Aderisci al moVimento 5 stelle - Ostuni

Categorie : 5 stelle, Politica
  • agostino cavallo

    quella delle spiagge è una delle battaglie più importanti del terriorio ostunese, da sempre sottovalutata ma oltremodo importante!

  • Nicola

    Bravo Paolo, queste sono le battaglie vere da intraprendere, a cominciare x davvero a mobilitarci x far uscire fuori tutto il marciume di questa politica assente