iapra li  uecchie

Menu

Piccoli democratici crescono (purtroppo)

Apprendo dai giornali che nei giorni scorsi i Giovani Democratici ostunesi, ovvero il futuro della classe dirigente della città bianca, ha presentato in una conferenza stampa le proprie linee programmatiche, la loro lungimirante visione politica per un prospero futuro nella città bianca. Turismo, ambiente e cultura! Ripeto, Turismo, ambiente e cultura. Capito? Turismo, ambiente e cultura. Un gruppo di giovani, quasi tutti studenti universitari e laureati, dopo ore e ore di discussione tra incontri, comunicazioni telematiche ed approfonditi studi sono arrivati alla innovativa conclusione che per il futuro di Ostuni è indispensabile concentrarsi su turismo, ambiente e cultura. Se avessero chiesto a mia figlia di dieci anni glielo avrebbe detto subito magari aggiungendovi qualcos’altro tipo l’agricoltura, i prodotti tipici e l’artigianato; avrebbero risparmiato un sacco di tempo che avrebbero potuto utlizzare per altro, per darsi all’ippica ad esempio. L’ippica oppure, come si faceva ai miei tempi, giocando a subbuteo è sicuramente tempo speso meglio di quello utilizzato per partorire queste ovvietà. Ma il danno è assai, come si dice da queste parti, e ce se ne  rende conto se approfondiamo le proposte elaborate dai giovani piddini.

In realtà non è che ci sia molto da approfondire, perchè le ovvietà sono condite esclusivamente da banalità e assurdità. I giovanotti infatti parlando di ambiente si limitano alla sola raccolta differenziata dei rifiuti, come se la cementificazione ed il consumo di territorio, i consumi energetici e le rinnovabili (quelle vere: sole e vento) siano un qualcosa che poco hanno a che fare con l’ambiente, l’economia locale e il futuro. Ed anche nella gestione dei rifiuti non riescono a vedere al di là del loro naso continuando a parlare di raccolta differenziata piuttosto che di strategia rifiuti zero di cui la differenziazione dei rifiuti è solo un aspetto. Evidentemente questi giovani luminari, speranza per il futuro, nei loro incontri, nelle loro ore spese a condire ovvietà con banalità, non sono riusciti neanche a imbattersi in ciò che è noto anche ai sassi, ovvero le tre erre: Riduzione, Riuso e Riciclo; capisaldi della strategia rifiuti zero a differenza della raccolta differenziata fondamentale ma funzionale esclusivamente all’ultima delle tre erre.

Ma è quando parlano di turismo che i giovani esplicitano tutta la loro forza innovatrice dimostrando contestualmente la teoria secondo cui erano meglio delle sane e divertenti partite a subbuteo. Imporre una tassa di soggiorno tra 1 e 3 euri giornalieri per ogni posto letto ed utilizzare questi denari per offrire ai turisti servizi di qualità che, naturalmente, non vengono esplicitati. Nessuna parola sulla cementificazione delle costa, business di elementi di spicco del PD Ostunese, nessuna parola sulla pulizia delle spiagge che ogni anno viene effettuata a stagione inoltrata, nessuna parola sulle decine di migliaia di euro erogati ad una società privata che organizza concerti a pagamento, somme più o meno corrispondenti al valore delle decine di biglietti omaggio “offerti” all’amministrazione di cui tutti, ma proprio tutti, i politici locali (consiglieri, assessori, amici ed amici degli amici) usufruiscono, nessuna parola sulla insufficiente rete di trasporto pubblico ne tanto meno ci si poteva aspettare la realizzazione di un piano della mobilità. Nulla di tutto ciò o di altro, di contro considerato che da anni la stagione turistica continua a contrarsi proprio a causa dei costi che costringono le famiglie, già alle prese con seri problemi economici, a ridurre i giorni di permanenza presso le località turistiche ecco che questi illuminati giovani, futuri candidati alle poltrone cittadine, se ne escono con una tassa di soggiorno che altro non potrà fare che aumentare i costi e diminuire i turisti che, un pochino più intelligenti dei nostri pulcini, si sposteranno in località più convenienti compresi i paesi a noi limitrofi.

Che altro aggiungere, ci aspettano tempi rosei, come i culetti di questi mancati giocatori di subbuteo.

Categories:   Politica

  • Mente Critica

    Ma mi sbaglio o i piddini senior, tutti presenti alla conferenza stampa di presentazione del documento programmatico dei loro giovani su cui hanno espresso il loro totale favore e consenso, sono da tempo maggioranza di governo nella città bianca?

    Forse i giovanotti più che predisporre documenti dovrebbero prendere i loro fratelli maggiori e strizzargli un pò le palle!!!

  • Paolo Mariani

    Odio gli slogan.
    Che vuol dire riqualificare la stazione, o Villanova come indicato nel vs documento? Specifica.
    Sui rifiuti sono anni che il comune investe migliaia di euro in comunicazione. La raccolta differenziata se la vuoi fare la fai punto e basta. Io ho specificato in più post il come perseguire nello specifico la strategia rifiuti zero, creando anche strutture e servizi che genererebbero lavoro (e non solo posti di lavoro). Sulla municipalizzata non mi trovi d’accordo. Contratti chiari e massima trasparenza sono meglio di un contenitore per far assumere i soliti raccomandati.
    Autonomia energetica detto così è un altro slogan. Specifica cosa intendi, io l’ho fatto più volte.
    Il wifi libero e gratuto può essere fatto sull’intero territorio comunale compreso costa ed area rurale, non solo le principali aree.
    Sulla partecipazione sfondi una porta aperta, da anni denuncio che il comune non rispetti neanche quel poco che prevede l’attuale statuto.
    Apprezzo il vostro coraggio di metterci la faccia, tu rispetta il mio diritto di esprimere le mie considerazioni nella massima trasparenza e cordialità. Come vedi qui il pensiero di chiunque (nel rispetto di legalità e buona educazione) è ben accetto.

  • giuseppe tagliente

    Se l’hai letto davvero, allora certamente ricorderai le proposte di “Concorsi di progettazione” per la riqualificazione della stazione ferroviaria, che permetterebbe a giovani laureati di ottenere un premio che di questi tempi può essere utile per avviare un’attività, di “Concorso di idee” per la comunicazione sull’importanza della differenziata sotto il profilo economico ed ambientale, che si preoccupa di stimolare la creatività giovanile, di autonomia energetica degli edifici pubblici (perchè è un argomento che trattiamo in modo particolare, dato che il Comune di Ostuni spende circa 600000 euro l’anno per l’illuminazione), di costituzione di una Società Municipalizzata per l’Igiene Urbana al fine di sottrarre al business mafioso la questione rifiuti e permettere ai cittadini di giudicare direttamente l’operato dell’Amministrazione una volta determinata l’assunzione di responsabilità diretta, abbiamo parlato di WI-FI libero e gratuito nei principali centri della città per offrire a tutti la possibilità di entrare a contatto con il web in qualsiasi occasione, abbiamo affermato il principio del coinvolgimento degli operatori turistici in un organo ufficiale (la Conferenza Permanente del Turismo), abbiamo lanciato l’idea della Direzione Artistica per l’organizzazione degli eventi.
    Non mi dilungherò ancora, ma penso che questi temi possano essere tranquillamente condivisi.
    Puo, in democrazia ognuno la pensa come vuole. L’importante è che si abbia il coraggio di metterci la faccia. Noi lo abbiamo fatto, con assoluta trasparenza.

  • Paolo Mariani

    Se per “voi” intendi il moVimento 5 Stelle sappi che c’è un programma ben preciso già disponibile da tempo.
    Personalmento IO sono solo un aderente a questo moVimento (dove uno vale uno) ed ho lanciato, sempre da tempo, una serie di proposte da attuarsi a livello locale che se vuoi puoi leggere su questo blog nella categoria “5 stelle”. Convinto di non avere nessuna verità in tasca (vero sapiente è colui che sa di non sapere) ho messo a disposizione di chiunque un forum dove poter approfindere proposte ed idee. Un programma completo sarà pronto a tempo debito non prima di aver svolto un lungo percorso partecipativo. I programmi preparati nelle segreterie di partito sono buoni solo per riempire le pagine dei giornali.
    Sappi poi che è mia abitudine approfondire gli argomenti su cui scrivo, quindi t’informo di aver letto, più volte, l’intero vostro documento disponibile su FB da tempo ed è proprio su quel documento che ho espresso i miei pensieri.
    Infine, io ho criticato quel documento su specifici aspetti esprimendo le mie idee in proposito, le tue critiche, o meglio dire giudizio, non mi pare faccia altrettanto.

  • giuseppe tagliente

    Negli ultimi giorni ho avuto modo di apprendere dai giornali tantissime notizie eclatanti, ma questa di sicuro è la migliore. L’articolo è impregnato di superiorità, a quanto vedo. Noto una critica aprioristica alle nostre posizioni.
    Prima di tutto una domanda: dato che voi (che non si capisce che, ne tanto meno cosa siate) siete sempre più avanti rispetto agli altri, ed avete in mente sempre grandi progetti per il futuro, perchè non lo avete scritto voi un documento programmatico? Ma di certo non posso pretendere che, come noi, perdiate parecchio del vostro tempo a redigere qualcosa di cui non vi interessa nulla.
    A parte questo, devo solo fare una considerazione sul metodo che hai utilizzato per scrivere: pessimo ed elementare.
    Prima di giudicare un lavoro, qualunque esso sia, è necessario leggerlo attentemente ed approfonditamente.
    Non mi sembra, anzi sono sicuro, che tu non lo abbia fatto. E questo mi dispiace, sinceramente, perchè avere delle idee diverse e dibatterne aiuta una comunità a vivere in democrazia, mentre l’attacco spregiudicato e privo di un’ageduata e preventiva analisi a me risulta soltanto un modo antipatico di fare politica.
    ti invito a leggere il documento, per intero (come pochissimi hanno fatto) sulla mia pagina facebook.