iapra li  uecchie

Menu

Ma guarda un pò

Chi segue questo blog sa che, con una certa regolarità, dò notizia delle performance sulla raccolta differenziata nel comune di Ostuni. Nulla di segreto, precisiamo, i dati sono disponibili su apposto portale della regione che periodicamente consulto per divulgarne i dati che, comprendo, l’amministrazione comunale di Ostuni non pubblicizza. D’altronde cosa aspettarsi di diverso da “illuminati” politici capaci solo di slogan e comunicati per i compiacenti organi d’informazione locali.

Ma andiamo oltre. Ad Ostuni non esiste alcun serio servizio di raccolta differenziata, se non qualche cassonetto sfasciato in giro per il paese ed un isola ecologica dove si recano in pochi sensibili alle tematiche ambientali. In questa situazione i risultati non possono che essere quelli che abbiamo sempre pubblicato, ovvero vergognosi con percentuali sempre inferiori al 10%, requisito minimo (ricordiamolo) per l’ottenimento della tanto sbandierata bandiera blu.

Ma il rompicapo con cui mi dibatto oggi non è su quali strane alchimie e sortilegi ha escogitato il nostro Tarzanella per ottenere il vessillo della Fee, ma come abbia fatto il nostro comune, così d’improvviso, senza alcun tipo di modifica al servizio di raccolta e di gestione dei rifiuti, in un periodo caratterizzato da continui stati di agitazione del personale addetto al servizio di igiene ambientale a passare dal 8 al 30% di raccolta differenziata. E senza differenziare l’umido.

Incredibile, ma i dati indicati sul portale regionale indicano un 29% a Novembre ed un 31 % a Dicembre. Se in questi mesi, come più volte annunciato dal Tarzanella e dal Santoro (assessore all’ambiente che interrogato su problematiche ambientali rispose: non deve chiedere a me – sic!), si fosse avviato il nuovo piano industriale sui rifiuti (che ha avuto anche i miei complimenti) ivi compresa la differenziazione dell’organico che rappresenta circa il 35% del totale dei rifiuti, saremmo schizzato oltre il 60%. Apoteosi.

Ma rimane il rompicapo. Possibile che un epidemia di ambientalismo abia colpito gli abitanti della città bianca, costringendoli a differenziare correttamente tutti quei materiali per portarli poi in buon ordine presso l’isola ecologica?

A pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina diceva qualcuno.

I dati relativi alla raccolta differenziata di Ostuni sono sempre stati pubblicati con regolarità, mese per mese. Ti collegavi al portale intorno al 10 di ogni mese e visualizzavi i dati del mese precendente. Novembre e dicembre 2010 invece sono stati pubblicati solo in questi giorni a 3 mesi di distanza.

Con queste due perfomance in zona cesarini la media annuale arriva a fatica al mitico 10% indispensabile per avere la Bandiera blu. Forse forse dopo le denuncie di questo blog e le ripetute mail di avviso alla Fee qualcuno abbia deciso di correre ai ripari con gli abituali metodi?

Categories:   Ecologia/Ambiente, Politica