iapra li  uecchie

Menu

Accesso a Torre Pozzelle

Ignoti individui, ma ipotizzabili, hanno chiuso con grossi massi il passaggio ai sentieri presenti da numerosi anni tra la macchia mediterranea di Torre Pozzelle. Così facendo avranno pensato di impedire l’accesso alle auto che, numerose, ogni anno si riversano a ridosso di quelle splendide calette. Gli ipotetici ignoti, sicuramente dementi, però non hanno considerato che gli Italiani, popolo più che mai autodipendente, mai e poi mai fermano le loro possenti autovetture di fronte al primo ostacolo e ciò che poteva anche essere una buona idea, difendere quel bellissimo tratto di costa dalla sosta selvaggia, di fatto sta causando seri danni a quella parte di macchia mediterranea che da anni resiste ad incuria e tubi di scappamento.

Infatti, come era facilmente immaginabile, gli afecionados di Torre Pozzelle hanno subito trovato percorsi alternativi per raggiungere la loro spiaggia preferita, in taluni casi e a seconda del mezzo di locomozione in uso (ad. es. SUV) non hanno neanche badato tanto alla macchia mediterranea che intralciava il loro percorso pensando che una loro parziale distruzione vale ben un bagno. Vi basti pensare che ieri all’ultima caletta era persino presente il furgone che vende gelati che quanto a peso e dimensioni nulla ha ad invidiare ai moderni fuoristrada anche se mostra tutti i suoi limiti quando è costretto a fronteggiare spuntoni di roccia che affiorano dal sentiero. Ma il gelataio, preparato più che mai ad ogni imprevisto e dotato di un ottimo piccone, non ha mostrato timore a smussare le imperfesioni del terreno per un più agile e sicuro passagio.

Ecco allora che grazie a questi furbetti che pensavano di trarre un qualche vantaggio da questa improvvisata chiusura, ma che sono rimasti probabilmente a bocca asciutta si è, invece, dato il via all’enesimo sacrificio della secolare macchia mediterranea che impreziosisce ed abbellisce uno tra i più bei pezzi di costa non solo della Puglia, me dell’intera penisola.

Personalmente sono favorevole ad impedire alle auto di parcheggiare sugli scogli, come sono favorevole alla chiusura di quei passaggi presenti tra la macchia mediterranea affinché questa col tempo se ne possa riappropriare. Ma ciò deve essere fatto garantendo comunque l’accessibilità a quelle favolose spiagge. Lo facciano come meglio credano (parcheggi, navette, etc), di soluzioni possibili ve ne sono diverse, ma che comunque che la zona rimanga accessibile e gratuita. Gratuita nel senso che se voglio andare a mare  a Torre Pozzelle non debba essere costretto, come invece avviene già da altre parti, a pagare per un qualche cosa, sia esso parcheggio o altro. Personalmente ritengo una buona idea la realizzazione di una pineta/parcheggio nel terreno alle spalle della macchia mediterranea che consenta sia di posteggiare i propri mezzi sia di accedere con facilità, tramite varchi naturali già esistenti, alle diverse calette. Il tutto naturalmente gratuitamente, almeno per i residenti.

Categories:   Ecologia/Ambiente