iapra li  uecchie

Menu

Aspettando Ju Tarramutu

Mercoledì 10 Giugno presso la Sala mostre della biblioteca comunale di Ostuni si terrà un pubblico incontro che avrà come tema il terremoto che il 6 Aprile del 2009 ha colpito il territorio Aquilano e che ha causato numerose vittime.

L’inizo è previsto per le ore 18 con la proiezione di “L’Aquila a pezzi” documentario sul post terremoto realizzato da Action Aid. A seguire Samanta Di Persio presenterà il suo libro “Ju Tarramutu” nel quale il terribile evento è raccontato attraverso le parole di Vigili del Fuoco intervenuti sul luogo, cittadini colpiti dall’evento compresa l’autrice ed  esperti che da anni studiano l’attività sismica del territorio.
Un opportunità per fare il punto della situazione anche alla luce delle numerose proteste dei cittadini aquilani e degli sviluppi delle inchieste giudiziarie in corso.

La cittadinanza tutta è invitata ad eccezzione di chi il 6 Aprile 2009 alle 3e32 rideva al telefono.

Dal Libro Ju Tarramutu:

Li chiamano gli angeli. E non potrebbe essere usato un altro termine. Sempre gentili, con il sorriso ed il loro elmetto. Magari hanno lavorato dieci, dodici ore, anche più e sono lì ancora con la forza di scavare fra le macerie per salvare vite, per recuperare corpi. Poi si arrampicano, ti recuperano le tue cose. Non li dimentichi, non puoi! Allora, voglio ricordarli in questo libro con le loro parole. Onore e riconoscenza a Marco Cavagna morto per portare aiuto alle popolazioni colpite dal sisma. Marco Cavagna è morto per portare aiuto e soccorso alle popolazioni Aquilane colpite dal sisma del 6 aprile. Era partito da Bergamo con la sua squadra la mattina del 6 aprile appena saputo della notizia del terremoto nell’Aquilano. Caposquadra dei Vigili del Fuoco di Bergamo dove prestava servizio, appena arrivato a L’Aquila si era dato subito da fare nel cercare persone disperse nelle macerie, poco dopo ha avuto un malore un infarto che non gli ha lasciato scampo. Portato con l’elisoccorso del 118 all’ospedale di Pescara, Marco non ce l’ha fatta. Aveva 49 anni sposato, lascia la moglie e due bambini. A Marco e a tutta la sua famiglia possa giungere l’eterna gratitudine del popolo Aquilano .

Lo scenario che si presenta agli occhi dei vigili del fuoco una volta arrivati sul luogo del terremoto:

Giancarlo. Sono arrivato a L’Aquila nelle prime ore dal sisma.Quella notte sono stato chiamato dal Comandante dell’Aquila. Sapevo benissimo cos’era accaduto. Una volta arrivato sul posto, con la mia squadra siamo stati mandati a Pianola (piccola frazione a 6 chilometri dalla città) per tirare fuori delle persone da una casa che si era spezzata in due. Il piano superiore era adagiato su quello inferiore, le persone non potevano uscire. Dopo siamo stati mandati ad Onna, ma lì la situazione era talmente caotica che ci hanno dirottato in un’altra frazione: San Gregorio. Abbiamo salvato diversi bambini di un orfanotrofio e purtroppo abbiamo tirato fuori anche una suora già morta. Siamo stati lasciati senza acqua e cibo per più di 48 ore. C’erano talmente tante cose da fare che non ci siamo fermati un attimo. Noi sui luoghi del disastro senza mangiare e bere, gli uomini della Protezione civile, che non hanno nessuna competenza nella ricerca di persone, comodamente in tenda con acqua e pasti caldi e i funzionari al ristorante.

Gianni, cinofilo dei pompieri. Vi erano molte persone su un solaio molte delle quali non avevano nessuna competenza, con il risultato di appesantirlo (anche perchè 40 persone a una media di 70 kg a persona fa’ 2800 kg) e quindi correre il rischio di schiacciare chi si trovava sotto. Noi abbiamo molte difficoltà a mantenere il cane, perché tutte le spese sono a nostro carico: alimentazione, cure veterinarie ecc. Non abbiamo alcun aiuto da parte del Ministero, eppure i cani servono a ritrovare i dispersi.

Giuseppe. Da molti anni opero nel soccorso pubblico. Ne ho viste di tutti i colori: dal terremoto in Friuli a quello dell’Irpinia, a quello dell’Umbria e delle Marche, alle alluvioni che hanno colpito mezza Italia. Sono arrivato a L’Aquila centro storico alle 6 del mattino, a meno di 3 ore dal sisma. La prima sensazione che ho avuto: ho visto una città che non esisteva più. Era crollata nella sua parte più bella. Distrutta ed ingannata. Sì, ingannata perché questo terremoto aveva fatto sentire la sua “voce” più di tre mesi fa. Quindi di cose da fare ce ne erano, ma nulla è stato fatto. Le persone che abbiamo estratto dalle macerie ci ringraziavano piangendo e maledicendo tutti coloro che li avevano ingannati. Ci siamo dati da fare subito. Eravamo pieni di polvere, ferite nelle mani e soprattutto nel cuore nel vedere una città ridotta così. Mentre scavavamo con le mani, aiutati da molti cittadini presenti che ci indicavano dove si trovava la camera da letto, il soggiorno, si presentano i “volontari” della Protezione civile con le loro belle divise linde e pinte. La sensazione (poi condivisa con altri colleghi) fu che i “volontari” erano al seguito delle telecamere e non il contrario. Questa cosa ci disgustò molto, ma a noi interessava fare solo il nostro dovere, loro ci tenevano a farsi riprendere. Spero un giorno di tornare in questa meravigliosa città, ritrovare le persone del luogo che hanno scavato fianco a fianco con noi pompieri e di vederla ricostruita anche se non sono molto ottimista, la storia passata del nostro Paese ci insegna.

Luigi. “Cosa si pretende da noi? Dobbiamo forse morire di fatica?”. “Non solo dobbiamo garantire la partenza da tutta Italia per le zone terremotate, fare fronte a mezzo paese in fiamme, ma subire anche le determinazioni del Ministero dell’Interno che, complici alcuni dirigenti carrieristi, manda i lavoratori sotto Consiglio di Disciplina perché non ce la fanno fisicamente a lavorare per 24 ore continuative”. Questa gravissima imposizione non solo arriva dopo un periodo di enorme sforzo per il personale, ma adesso non è in alcun modo giustificabile e deriva solo dalla mancata volontà di rafforzare un organico carente che richiederebbe nuove assunzioni. Emerge un quadro drammatico sul soccorso tecnico urgente in Italia. Negli altri paesi i “volontari” sono tutti “targati” Vigili del fuoco. Ad esempio in Francia sono 120mila, ma sono tutti vestiti, formati, attrezzati dai Vigili con le stesse radio e mezzi. In Italia le risorse economiche per il soccorso si perdono in un mare di rivoli: Misericordie, Pubbliche assistenze, Forestale, Regioni, Comuni, Province. Hanno creato non solo un danno economico grosso perché ci vogliono i soldi per: radio, divise, attrezzature, mezzi, carburante, logistica, con il risultato che si tolgono mezzi importanti di sostegna ai Vigili del fuoco. Ma il dramma è che questi enti, oltre ad essere scollegati fra loro, hanno vertici, linguaggi, apparati radio ed elicotteri diversi. Quando parlano del C.O.M. (centro operativo misto) è un enorme “cazzata”, avete presente quando nella Bibbia i popoli della Palestina ad un certo punto non si capiscono più nel parlare? Così nasce la “Torre di Babele”. In Italia nel soccorso pubblico hanno fatto una cosa uguale. Questa diversità di linguaggio nel comunicare, nell’intervenire con uomini e mezzi diversi, certamente non fa bene al cittadino che deve ricevere il servizio nel miglior modo possibile. Sul posto se ad un volontario di uno di questi otto/nove (non si capisce quanti siano) enti, gli dico di far qualcosa… mi rispondono: “E’ passato il nostro Presidente e ci ha detto di stare qui.” Se tutti invece fossero Vigili del fuoco risponderebbero ad unica struttura, perché io che ne so, se questi “volontari” sanno andare su un incendio o su un vicolo dell’Aquila crollato? Oppure dobbiamo soccorrere anche loro? C’è un circolo vizioso di finanziamenti che la politica dà per un ritorno elettorale. Gli stessi “volontari” prendono soldi sottoforma di diaria giornaliera, altro che volontariato gratis! Sono Ferdinando Mattei – RdB Vigili del Fuoco. Che paese strano il nostro, il terremoto mi ha riconfermato il gran cuore degli italiani anche di quelli che la vorrebbero un po’ più divisa, ma mi ha anche riconfermato che di ogni critica si fa immediatamente polemica. Qualche giorno dopo il sisma comunicai agli organi di stampa che i soccorsi si ’ingolfarono” quasi subito e qualcuno polemizzò che non era il momento di criticare. Io invece so quale “addetto ai lavori” che quelli sono gli unici momenti in cui le parole vengono ascoltate, a bocce ferme sono sempre lettera morta. Che paese strano il nostro con due strutture di protezione civile spesso in antitesi l’una con l’altra, quella ufficiale ed i Vigili del Fuoco (la categoria più amata dagli italiani). La prima che dovrebbe essere coordinata dai secondi come da legge ma che in realtà li vede asserviti ed impegnati nei lavori più “sporchi” e pericolosi. La prima inondata di flussi importanti di denaro pubblico all’occorrere di una calamità, i secondi umiliati a mendicare il carburante e sempre incerti di raggiungere le zone disastrate con mezzi di colonna mobile trentennali tenuti insieme col fil di ferro. La prima con tanta volontà, i secondi con un’esperienza inarrivabile. La prima in albergo quattro stelle i secondi che devono, a sei mesi dal disastro, sopportare ancora turni di sedici ore di lavoro continuo per poi ritornare in tenda e fare le pulizie per poi abbandonarsi spesso stremati. Beninteso non voglio cadere nell’equivoco, il volontariato è sintomo di civiltà, la critica è strutturale e rivolta alla politica che ha creato e sostiene questa situazione. Ma di questi argomenti non si deve parlare, vedasi le puntate di “Anno Zero” e la inevitabile vergognosa polemica volta a fraintendere che le critiche fossero rivolte lo slancio altruistico individuale delle componenti volontarie. Queste due organizzazioni hanno un denominatore comune; l’immagine! La politica se ne approfitta a piè sospinto poi dei pompieri si dimentica e per l’Abruzzo neppure li paga.

Vai al blog di Samanta Di Persio

Categories:   Informazione

Tags:  ,