iapra li  uecchie

Menu

516.615 firme in 25 giorni…

Sino ad ora ad Ostuni sono state raccolte più di mille firme a sostegno della campagna referendaria “Acqua Pubblica”. Risolti anche i problemi con l’ufficio elettorale del comune stiamo provvedendo alla indispensabile certificazione delle sottoscrizioni. Ottima anche la partecipazione alla proposta di inziativa popolare per inserire anche nello Statuto del Comune di Ostuni il “Diritto umano all’acqua” ed il principio secondo il quale il servizio idrico non possa avere rilevanza economica, già superate da tempo le 300 firme necessarie alla presentazione, ma continueremo con la raccolta anche per tutto il mese di Giugno, perchè si scrive acqua ma si legge democrazia.

516.615 firme raccolte in 25 giorni di banchetti e iniziative in tutta Italia.

Un risultato incredibile anche per noi, raggiunto in poco più di tre settimane grazie all’impegno e all’entusiasmo di migliaia di cittadine e cittadini dell’acqua pubblica.

Dall’estremo Nord alle isole, la raccolta di firme racconta un’Italia della partecipazione, di migliaia di territori attenti e attivi sui beni comuni (vedere la mappa dei banchetti di raccolta firme su www.acquabenecomune.org).

E la raccolta firme non si ferma, ma rilancia. L’obiettivo che il Comitato Promotore si era posto (700mila firme) è ormai in vista e può essere superato. Da qui a luglio lanceremo eventi, feste, spettacoli per coinvolgere sempre più italiani in questa civile lotta di democrazia per togliere le mani degli speculatori dall’acqua riconsegnandola ai cittadini e ai Comuni.

Per questo fine settimana il Comitato Promotore lancia il “Giro d’Italia delle firme per l’acqua”; quale località, Comune, comitato cittadino sarà la maglia rosa della raccolta di firme di questa settimana?

Il Comitato Promotore ringrazia tutti quelli che si stanno impegnando per la riuscita dell’iniziativa referendaria, i media locali, le radio e i siti internet che stanno dando un esempio di attenzione e partecipazione che fa ben sperare anche per la libertà d’informazione nel paese.

Più firme raccoglieremo, più forte sarà la spinta verso il Referendum e il risveglio civile dei territori. Perché si scrive acqua, si legge democrazia.

Categories:   Ecologia/Ambiente