iapra li  uecchie

Menu

Opinione (?) pubblica

Pensare, riflettere, elaborare le informazioni che incessantemente ci bombardano, formarsi una propria opinione sono attività che necessitano di tempo e di energie. E nella società dei quattro salti in padella dove nessuno ha più neanche il tempo di cucinarsi un piatto di pasta figurarsi se è possibile “perdere tempo” col cucinarsi il cibo per la mente.

D’altronde la televisione in questo ambito è il cibo precotto per definizione; economico e pronto in un attimo basta pigiare i tasti del telecomando per saziarci a volontà. Opinionisti (sempre gli stessi), giornalisti (o presunti tali) e politici (uomini d’affari) sempre presenti sul piccolo schermo a dirci cos’è giusto, cos’è sbagliato e soprattutto cosa è bene per il paese e cosa vuole veramente la gente.

Secondo me, a mio avviso, io penso che.. sono introduzioni ormai estinte che hanno lasciato il posto a la verità è che, è il paese che ce lo chiede, questi sono fatti e non chiacchere, etc. Ed ecco che l’italiano medio ascoltando questi ebeti del fu tubo catodico in pochi minuti è sazio come dopo un pranzo di Natale. Basta ascoltarlo nei suo discorsi questo italiano medio per rendersi conto di questa tragicomica situazione. Quando parla di temi di attualità vomita esattamente tutto quello che ha sentito e il più delle volte senza neanche modificare i vocaboli. E così al bar, al lavoro, in piazza ti tocca spesso risentire le stesse identiche frasi sentite la sera prima in qualche salotto televisivo. Sia che si tratti di politica sia che si tratti di calcio o cronaca.

L’opinione pubblica si stabilisce a tavolino intorno ai quali siedono redattori, editori, politici, psicologi tutti impegnati a cucinare il piatto da servire all’italiota sempre pronto e disponibile ad appropriarsi di tutto ciò che di pronto e di gratis gira. E guai se provi a discostarti dal pensiero comune, se preferisci cibarti diversamente e magari (blasfemia) con cibi sani e genuini. Ti guardano come se fossi un alieno, un pazzo, un visionario o alla meglio un disinformato che non sa quello che dice. La frase che classica che ti senti dire è: ma che dici! Informati! ma non la vedi la Tv?

Tu non sei , non sei più in grado neanche di dire SE! quello che hai in testa l’hai pensato te!

Categories:   Informazione

Tags: