iapra li  uecchie

Menu

Non è il tempo di piangere, è il tempo di reagire

Vedo molte persone deluse, deluse per non aver raggiunto il quorum ed essere fuori dalle istituzioni, delusi per non aver visto un’attesa disfatta della destra, delusi per le due regioni in mano alla Lega. Anch’io sono molto deluso ma mi domando: veramente ci si aspettava altro?

Buttarsi a terra ora, vorrà significare che in fondo non siamo poi dei grandi guerrieri come pensavo. Buttarsi a terra ora, significa che in fondo eravamo strumentalizzati dalla politica. Buttarsi a terra ora, significa che il vostro punto d’arrivo era solo politico, ed io so che non è così! Non per tutti, non per quelli che porto nel mio cuore e su cui conto!!!

Cambiare il sistema è una lotta dura e lunga, molto probabilmente non saremo noi a godere dei benefici di queste lotte, speriamo per i nostri figli e per le prossime generazioni, ma bisogna agire e bisogna farlo a livello locale, nelle piccole realtà, nei comuni, nei quartieri perchè è li che vive la gente ed è li che ci si può far conoscere ed apprezzare.

Di fondamentale importanza è unire le forze, coordinarsi, fare rete ed essere presenti sul territorio. Finchè si continueranno a trovare mille motivi per non essere presenti non ci si potrà poi lamentare se non si raggiungono certi risultati. Sostenibilità, tutela ambientale, equità sociale, legalità, dignità del lavoro, informazione libera e pulita, cittadinanza attiva e consapevole sono solo alcuni dei temi che si ritrovano in numerosi gruppi e movimenti che se solo avessero la capacità di incontrarsi e trovare un percorso comune per affermare questi principi riuscirebbero anche a trovare il necessario consenso perchè il modello di società proposto da quei comitati d’affari che si chiamano grandi partiti è un modello che non sarà in grado di reggere a lungo, bisogna solo far capire (non credere, ma capire) alla gente che un altro sistema è possibile.

Gli aspetti fondamentali sono i temi e gli obbiettivi non i simboli e le ideologie, se non si parte da questo presupposto sarà impossible qualsiasi risultato. Quindi rimbocchiamoci le maniche e al lavoro…

Categories:   Politica

Tags: