iapra li  uecchie

Menu

Strano paese

Siamo proprio in uno strano paese. Un paese dove l’amministrazione comunale, a conoscienza da oltre un anno dei progetti per la realizzazione di pozzi petroliferi a 10 Km dalla propria costa, quando interrogata sul perchè non ha informato subito la cittadinanza risponde che non ritiene di doversi giustificare visto che quando la notizia, grazie ad altri, è stata resa pubblica loro hanno immediatamente reagito facendo ricorso al TAR. Ovvero hanno lasciato, pur sapendolo, che i cavalli scappassero dalla stalla per poi, quando i cittadini (veri proprietari dei cavalli) se ne sono accorti, fare causa al mandriano. Quando poi qualche cittadino ha chiesto: ma perchè non ci avete avvisato che avremmo potuto provare ad impedire la fuga; loro non rispondono perchè intanto hanno citato in giudizio il mandriano. Intanto i cavalli…

Siamo proprio in uno strano paese.Un paese dove l’assessore di un amministrazione che ha devastato il proprio territorio dando il via e mantenendo un era di cementificazione senza precedenti, di un amministrazione che ultimamente ha approvato due vaste lotizzazioni su una costa già devastata da speculazioni e abusivismo, riceve un applauso, invece di un vaffanculo, quando critica l’eccessiva cementificazione del territorio.

Siamo proprio in uno strano paese. Un paese dove un amministrazione che non ha mai isitituito le consulte di settore previste dal proprio statuto e che non destina alle stesse le risorse previste sempre dallo statuto, si dichiara molto lieta del fatto che una di quelle consulte si è autocostituita per poi, quando questa chiede un luogo dove potersi incontrare, rispondere: ma, bi, bo,…

Siamo proprio in uno strano paese. Un paese dove la Giunta Regionale, presieduta dal leader di un movimento che ha nel suo nome e nel suo simbolo il termine Ecologia, da una parte autorizza pozzi petroliferi sulla terra ferma e dall’altro ricorre in giudizio contro quelli previsti in mare.

Siamo proprio in uno strano paese. Un paese dove i cittadini i propri diritti (informazione e partecipazione) li chiedono invece che pretenderli.

Categories:   Politica